Blog: http://Controcorrente.ilcannocchiale.it

Prodi sull'orlo di una crisi di nervi.Prodi fischiato dalla Confesercenti









Questa volta a fischiare il premier della sinistra ed estrema sinistra
non sono stati le "squadracce fasciste" della Casa delle libertà, ma
i disgustati e inviperiti commercianti della Confesercenti "rossa"

“Prodi, buffone, vattene a casa”,
gli hanno gridato in coro; e lui ha
lasciato l’assemblea senza fiatare

Per paura di essere ancora e sempre fischiato, il presidente del Consiglio
aveva declinato gli inviti della Confartigianato e della Confcommercio,
considerate “troppo schierate con il centrodestra”, ed ha accettato invece
con molta serenità quello dei commercianti di sinistra, considerati “amici”.
E sono stati questi a seppellirlo di fischi, alla fine della loro assemblea,
con tanta rabbia e più accanimento dei loro colleghi simpatizzanti per la
Casa delle libertà, gridandogli “Prodi, buffone, vattene a casa, tu ed il tuo
governo di sanguisughe”. “La gente non ne può più”, dice Isabella Bertolini,
portavoce di Forza Italia. E l’ex ministro Gianni Alemanno (An): “Spero che
il capo dello Stato vorrà riflettere seriamente su una situazione politica così
grave e insostenibile, senza precedenti nella storia della nostra Repubblica:
un Paese democratico non  può essere governato da una minoranza che
rappresenta oggi soltanto il 24 per cento degli italiani, e cioè appena 1 su 4".
 www.gaetanosaglimbenitaormina.it

Pubblicato il 19/6/2007 alle 15.18 nella rubrica Gaetano Saglimbeni.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web