.
Annunci online

  Controcorrente [ " Se pur circondato non è ancora preso" ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


http://www.sat24.com/eu
Geert Wilders
ELISABETH SABADITSCH
Pro-Koeln
SIOE
Vlaams Belang
INTERNATIONAL FREE PRESS SOCETY
VIGILANT FREEDOM
CENTER FOR SECURITY POLICY
ACT ! FOR AMERICA
Wafa Sultan
http://www.englishdefenceleague.org/
Apostate of islam
Adriana Bolchini
Pietro Luigi Crasti
FORMER MUSLIMS UNITED
OSSERVATORIO DEL DIRITTO ITALIANO E INTERNAZIONALE
Fondazione Lepanto
ON.SOUAD SBAI
ON.FIAMMA NIRENSTEIN
ON.RICCARDO DE CORATO
ON.MARCO ZACCHERA
ControCorrente2
ControCorrente3
ControCorrente4
PressAgencyFreeLand
Movimiento Estudiantil Venezuela
Stop Ahmadinejad
FORT
Mefisto
Giornalaio
antibassolino
ArtisticaMente
Barbara di Salvo
Don Fortunato Di Noto
Edizioni Lindau: www.lindau.it
IL BERRETTO A SONAGLI
Tomari
Terror haza
Un posto nel mondo
KRITIKON
FOTOGRAMMA
ORSA MAGGIORE
Libera Cuba
Sarcastycon


CERCANO CASA
liberacuba
SANE
Non porgiamo l'altra guancia
300705
USCIRE DALL'ISLAM
A DESTRA
Against Terror
AURORA86
ANTIKOMUNISTA
australia
AUTOCERTIFICAZIONI
ANGELO ROSSI EMANUELE
America
Aqua
Autorità per le Garanzie.
ANTI-NO-GLOBAL
BBC-NEWS
BIETTI DAL 1870
BARLETTA LIBERALE
CONTROCORRENTE-2
CONTROCORRENTE-SATIRA
COSTITUZIONE ITALIANA E CORTE COSTITUZIONALE
COX & FORKUM
CAMERA DEI DEPUTATI
CALIMERO
CREONTE
Capperi
Censurarossa
Conservatori Italiani
CARLO MENEGANTE
Congressional Medal of Honor
DANIEL PIPES
DAW
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
DEMOCRAZIA LIBERALE
DONNA IRAKENA
ENCUENTRO
EDICOLA GLOBALE
EROE DI PACE
EBRAISMO
Esperimento
FORZE LIBANESI
FORATTINI
FOX-NEWS
FREE IRAN -NEWS
FOIBE
FREE THOUGHTS
Grende
GIOVANNA GIACOMAZZI
Gaetano Saglimbeni
GOOGLE NEWS
GOOGLE
GODADO
GOVERNO ITALIANO
Gino
HURRICANE
il veliero
IO ESISTO
ITALIA SVEGLIATI
ITALIANS
IRANIANI
ITALIANI LIBERI
IL VELINO
Ideazione blog
Il Principe
IRAN-VA-JAHAN
IRAQ LIBERO
IRAQI VOICES
IRAK-PROVISIONAL -AUTHORITY
IL GIULIVO
IRANIAN
Krillix
KUWAIT ERA L'INFERNO
LIBERTA' DI PENSIERO
LIBERALI
L'asse CATTOLICO-COMUNISTA -ISLAMICO E LA CANCELLAZIONE DELL'OCCIDENTE IN EUROPA
LISISTRATA
LIBERO
Libertà per il Popolo Cubano
La Radice
Lilit
Libertà per il Popolo Tibetano
L'ISLAM CONTRO L'ITALIA
LIBERALI PER ISRAELE
LE COSE DA DIRE
LISISTRATA
LA ZANZARA DISPETTOSA
Liberi-Insieme
LAGER
Mai dire Blog

MIOCUGGINO
MICHAEL YON
MESSINA FORTIFICATA
MEDEA
MUSEIONLINE
MOVIMENTIAMOCI
Maralai
Marci
MONTAGNARD
NET FOR CUBA
Nilus
NESSIE
NON SOLO PAROLE
ORSA MAGGIORE
ORPHEUS
OLOKAUSTOS
Oggi
Puravita
PIANETA GULAG
PIER LUIGI BAGLIONI
PERICLES
PENSIERO LIBERO
Per Non Dimenticare le Vittime del Terrorismo
PULSE-24
PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA
PAGINE BIANCHE
politically-scorrect
QUOTIDIANI INTERNAZIONALI
REPRESSIONE A CUBA
Respublica
SCLERETTA
STORIA
ShockAndAwe
Sorvegliato Speciale
SUPPORT OUR TROOPS
STOP FGM
SUSSIDIARIO
SENATO
SANTA SEDE
SHOCKANDAWE
SALVARE L'ITALIA PRIMA CHE SCOMPAIA
SOLIDARIETA' ALLE DONNE IRANIANE
TREDICI MAGGIO
TRADUTTORE
Tea
TRE TIGRI
Tania Rocha
UN ITALIANO A CUBA
Unione per le Libertà
Una voce che urla nel deserto
UNIONE EUROPEA
Unione per le Libertà a Cuba
VIRUS IL GIORNALE ON LINE
VIRGILIO
VOCI DELL'IRAQ LIBERO
Victims of Saddam's Regime
Web Cam Times Square di New York
WEB CAM MOSCA
Web Cam Muro del Pianto Gerusalemme
Web Cam Mare delle Antille
Web-The Statue of Liberty
WEBCAM -TORONTO
YAHOO
YONI
1972


TORONTO WEB CAM
FAITHFREEDOM

POLIZIA DI STATO
CARABINIERI
GUARDIA DI FINANZA
Earth Cam Ground Zero
Sindacato Autonomo Polizia

cerca
letto 3691088 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


22 marzo 2011

IL VIZIO DELLA SINISTRA: L’INGANNO SISTEMATICO

 
 
IL VIZIO DELLA SINISTRA: L’INGANNO SISTEMATICO  E IL GESTIRE IL POTERE CONTRO LA VOLONTA’ DEI CITTADINI.  




2 angolazioni del costruendo e ormai quasi finito nuovo centro culturale islamico con annesso  moschea a Ravenna

Hanno messo nel loro simbolo il termine democratico, sottratto immeritatamente ai partiti che hanno sempre saputo cos’è e rispettato la democrazia, ma anche se il look dei veterocomunismi ha subito molti restiling,  le radici e le aspirazioni totalitarie restano le stesse: comandare passando sopra i diritti e la volontà dei cittadini, in nome di un non meglio identificato bene comune, che anche questa volta invece è indirizzato a fare il bene esclusivo di una parte della comunità locale, sfruttando la popolazione all’oscuro dei patteggiamenti segreti e dei fini che si è prefissa la giunta ravennate

Ci aveva già provato la giunta Cofferatti a Bologna a far passare per buona una carognata contro la città e i cittadini donando terreno e favori economici a un gruppo islamico legato all’UCOII, ma grazie all’intervento della Lega Nord e in particolare dell’on. Gianluca Pini, erano venuti alla luce gli inghippi e gli inganni, cioè la massa di irregolarità amministrative, con risvolti anche penali, che arrivavano fino a minare la sicurezza nazionale e mettevano a rischio i rapporti diplomatici con un Paese straniero.  Così anche con la mia partecipazione attiva,volta a informare la cittadinanza sulla realtà della moschea, a Bologna  si è riusciti a fermare l’inganno e ad arginare il danno, che soltanto i bolognesi avrebbero finito per pagare, assieme ai danni erariali che ne derivavano.
 
il documento che attesta il permesso di costruire stilato senza rispettare le leggi vigenti.
A Ravenna, la giunta Matteucci, immancabilmente di sinistra, sta tentando di rifare la stessa cosa della giunta Cofferati e cioè, con un atto apparentemente legale, redatto in una forma che sembra rispettare le leggi e la burocrazia, approfitta della fiducia che i suoi concittadini le hanno conferito, contando sul fatto che il burocratese non è una lingua facile per le persone che non sono esperte di politica e di leggi, ha sferrato a tradimento un colpo mortale alle spalle di coloro che invece il primo cittadino e la sua giunta hanno il dovere di rispettare e di difendere.

Anche questa volta però, l’on. Gianluca Pini si è messo di traverso a questo ennesimo complotto e assieme all’avv. Patrizia Zaffagnini, esperta in diritto e soprattutto esperta costituzionalista, hanno portato alla luce l’ennesimo e gravissimo inganno di quello che è un progetto ormai quasi giunto al termine.  Noi offriamo la nostra disponibilità, anche questa volta, per far conoscere ai cittadini di Ravenna, l’atto burocratico che in realtà è un crimine che sta per essere concluso sulla loro pelle, sapendo bene che in gioco non vi è soltanto l’aspetto economico che rappresenta un vero furto ai danni dei ravennati, ma anche una lesione dei diritti dei cittadini in quanto il Centro Islamico e la Moschea rappresentano un vulnus, una porta al fondamentalismo islamico, dovuto alle massicce immigrazioni sul nostro territorio di persone che hanno dimostrato in ogni circostanza possibile che l’integrazione per loro non è un principio accettabile e la moschea rappresenta l’imposizione della legge islamica dentro un territorio che invece possiede una storia, una cultura, un sistema legale, una costituzione, tutte formule incompatibili con la sharia.

Fermare questo nuovo tentativo di trufa ai danni dei cittadini è un doppio dovere: quello di salvaguardare i diritti dei cittadini italiani e immigrati e quello di salvaguardarte l’economia del Paese Italia, poiché il gravame economico sulla comunità è inaccettabile.

Di seguito troverete alcuni accenni e stralci di documentazione sulla questione moschea a Ravenna.

Adriana Bolchini - Lisistrata



MOSCHEA: PERMESSO DI COSTRUIRE ILLEGITTIMO!
Il permesso di costruire n. 8/2010 per la costruzione della moschea e della nuova sede del Centro di Cultura e di Studi Islamici della Romagna, rilasciato dal Comune di Ravenna- Area Pianificazione territoriale Servizio Gestione urbanistica ed edilizia residenziale pubblica in data 14.01.2010 è inequivocabilmente illegittimo. Il responsabile dell’ufficio comunale, rilasciava il permesso a “titolo gratuito “ ai sensi dell’art 17 del DPR 380/2001 e dell’art 30 della LR 31/2002.
Ripeto a titolo gratuito, ovvero senza il pagamento del contributo degli oneri di concessione dovuto per la costruzione di opere edilizie.
Peccato che la costruzione di una moschea non rientra nei casi di esenzione previsti dall’art 17 DPR 380/2001 e art 30 L 31/2002. Infatti  l’edificio del culto musulmano non rientra nei presupposti dell’art 17 DPR 380/2001 poiché non  è realizzato da un ente “istituzionalmente competente”,  vale a dire enti pubblici, ai quali la realizzazione dell’opera sia demandata in via istituzionale  o anche  , come amplia l’art 30 LR 31/2002 , da organizzazioni non lucrative di utilità sociale ( ONLUS).Inoltre la moschea, per usufruire dell’esenzione , non  rientra certamente nella categoria di opera pubblica o di interesse generale per tutta la collettività. Il Centro di Cultura e Studi Islamici della Romagna (CCSIR), proprietario del terreno e di conseguenza richiedente e titolare del permesso di costruire n. 8/2010, è UN’ASSOCIAZIONE CULTURALE NON RICONOSCIUTA, altro che ente “istituzionalmente competente”. Inoltre l’associazione non è iscritta tra le ONLUS e come semplice soggetto privato, difetta dell’eventuale mandato “costruire per conto” di un ente istituzionale.

In ogni caso, anche a voler essere magnanimi e considerare la moschea un edificio “religioso”, l’esenzione dal pagamento degli oneri non poteva essere concesso alla nuova sede dell’associazione islamica !!  far rigettare la domanda proposta, ma andiamo oltre. Da quando un edificio di culto di una religione che in Italia non beneficia nemmeno del Patto di intesa, e che localmente vanta una percentuale di “presunti “ fedeli di circa 150-200 persone, può ritenersi opera pubblica o di interesse generale, o rientrare nella categoria di chiese ed edifici religiosi? Da quando un’ associazione culturale, la cui sede è richiesta nel permesso a costruire n. 8/2010 congiuntamente alla moschea, che ha come scopo solo ed unicamente la diffusione dei precetti della religione islamica può definirsi ente istituzionale?
Un atto pubblico illegittimo che ha permesso una costruzione fuori-legge, dove i costi di urbanizzazione sono sulle spalle di tutta la comunità ravennate, con un danno erariale evidente. Ancora una volta Ravenna ringrazia Sindaco e Giunta di sinistra!!!!





MOSCHEA: 900MILA EURO DI MATTONI, MA QUANTO CI COSTI???
Il Centro di Cultura e di Studi Islamici della Romagna, unico proprietario del terreno e della erigenda moschea e nuova sede del centro stesso, preventiva sulla pagina di Facebook “ donazione per costruire la moschea di Ravenna” una stima della somma necessaria per costruire l’immobile: 900 MILA EURO.
Posto che il Centro di Cultura e di Studi Islamici della Romagna è un’associazione culturale non riconosciuta PRIVA di qualsiasi fondo, per realizzare il faraonico progetto necessita di 900MILA EURO in donazioni, che forse l’esiguo numero di fedeli islamici ravennate potrebbe raggiungere in 20 anni di duro e faticoso  risparmio.
Allora in poco meno di un anno ( i lavori sono iniziati a giugno 2010) come sono stati “donati” e da chi  ben 900 MILA EURO per la costruzione dell’immobile’?
E su 900 mila euro a quanto ammonta il contributo degli oneri di urbanizzazione che l’ufficio di Edilizia Residenziale Pubblica NON ha richiesto all’associazione islamica??
O per ottenere risposte,  come  indicato dalla dirigente Capo Servizio Urbanistica ed edilizia residenziale pubblica in calce al permesso di costruire n. 8/2010, dovremmo rivolgersi al Pretore, figura giudiziaria che non esiste più dal 1998 o chiedere l’applicazione delle sanzioni penali previste dalla L. 317/1967 , abrogata dalla L. 689/1981???
Se i fedeli islamici ravennati , stimati a grandissime linee in 150-200 persone, sono in grado di risparmiare e donare in un anno ben 900 MILA EURO per la costruzione di moschea e della sede della loro associazione non riconosciuta, beh allora dovremmo rivedere tutte le agevolazioni che vengono loro concesse, case ERP, quote ridotte o esenti negli asili, quote ridotte o esenti pasti mensa, agevolazioni o esenzioni sanitarie, agevolazioni sui canoni di affitto di immobili ecc, perché i veri poveri e bisognosi degli aiuti economici dell’ente locale, alla fine siamo noi ravennati!





permalink | inviato da Controcorrente il 22/3/2011 alle 15:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     febbraio        aprile


 

                                         
 



Non andare in giro dicendo
che il mondo ti deve dare da vivere.
Il mondo non ti deve dare nulla :
era lì prima che tu arrivassi.

 

 

ControCorrente

Movimento d'opinione
che si propone di premiare
dare fiducia a persone
e politici che siano
garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore.
Sono garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore:
 
 
Vota:Berlusconi,Angelilli

 
    
 

     

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Fiamma Nierenstein
 
 

No alla Ue




ORIANA FALLACI



Tribute to Reagan


 

 
 
I comunisti amano
così tanto
i poveri da volerne
creare  altri

Noi cattolici diciamo  
si alla base americana
di  Vicenza

 






 

Vendere la RAI
con tutti i suoi parassiti.

Eliminare l'ente Provincia
che ha poche ragioni per
giustificare la sua esistenza
 e molte per suggerire
 lo scioglimento.


(IM)MORALISTI


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

        G.M.

 

Antonio Di Pietro salvò
i comunisti da tangentopoli.


 

 

Le bugie di Veltroni

 

 Le bugie di Prodi



 



 


    

 

 

 

 


 

 

 

 

 

Veronica

 

 

 




 



Immigrati




 

Il comunismo è una
giusta distribuzione
della miseria.


 




L'assemblea parlamentare del
 Consiglio d'Europa
ha approvato il 25 gennaio 2006,
con 99 voti a favore e 42 contrari,
una risoluzione presentata dal deputato
svedese Goran Lindblad a
nome del PPE, che condanna
 i "crimini del comunismo" equiparando
il comunismo stesso al nazismo.
Anzi, considerando che nel rapporto
che accompagnava la proposta
di risoluzione, intitolata "Necessità di
una condanna internazionale dei
crimini del comunismo", si accredita
la cifra di quasi cento milioni di morti
 causati direttamente o
indirettamente dal comunismo,
quest'ultimo risulterebbe addirittura,
almeno come numero di vittime,
 di gran lunga peggiore del nazismo. 
 
 
METTERE FUORI LEGGE
I PARTITI COMUNISTI IN ITALIA,
come sono stati messi fuori legge
il partito fascista in Italia e
il partito nazional socialista in Germania.



 





Se li abbandonate i
bastardi siete voi


islam fuorilegge vìola
 i fondamentali diritti
degli uomini e delle donne.






islam in azione


 

Loading...      (GIF file  396KB)



 
 

 


 

 

VIDEO DONNA FRUSTATA IN SUDAN -

 

 










 


La resistenza non è mai esistita,
è solo frutto della propaganda
dei comunisti.
Indro Montanelli.

 



 
 
 
 
Gadgets powered by Google