.
Annunci online

  Controcorrente [ " Se pur circondato non è ancora preso" ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


http://www.sat24.com/eu
Geert Wilders
ELISABETH SABADITSCH
Pro-Koeln
SIOE
Vlaams Belang
INTERNATIONAL FREE PRESS SOCETY
VIGILANT FREEDOM
CENTER FOR SECURITY POLICY
ACT ! FOR AMERICA
Wafa Sultan
http://www.englishdefenceleague.org/
Apostate of islam
Adriana Bolchini
Pietro Luigi Crasti
FORMER MUSLIMS UNITED
OSSERVATORIO DEL DIRITTO ITALIANO E INTERNAZIONALE
Fondazione Lepanto
ON.SOUAD SBAI
ON.FIAMMA NIRENSTEIN
ON.RICCARDO DE CORATO
ON.MARCO ZACCHERA
ControCorrente2
ControCorrente3
ControCorrente4
PressAgencyFreeLand
Movimiento Estudiantil Venezuela
Stop Ahmadinejad
FORT
Mefisto
Giornalaio
antibassolino
ArtisticaMente
Barbara di Salvo
Don Fortunato Di Noto
Edizioni Lindau: www.lindau.it
IL BERRETTO A SONAGLI
Tomari
Terror haza
Un posto nel mondo
KRITIKON
FOTOGRAMMA
ORSA MAGGIORE
Libera Cuba
Sarcastycon


CERCANO CASA
liberacuba
SANE
Non porgiamo l'altra guancia
300705
USCIRE DALL'ISLAM
A DESTRA
Against Terror
AURORA86
ANTIKOMUNISTA
australia
AUTOCERTIFICAZIONI
ANGELO ROSSI EMANUELE
America
Aqua
Autorità per le Garanzie.
ANTI-NO-GLOBAL
BBC-NEWS
BIETTI DAL 1870
BARLETTA LIBERALE
CONTROCORRENTE-2
CONTROCORRENTE-SATIRA
COSTITUZIONE ITALIANA E CORTE COSTITUZIONALE
COX & FORKUM
CAMERA DEI DEPUTATI
CALIMERO
CREONTE
Capperi
Censurarossa
Conservatori Italiani
CARLO MENEGANTE
Congressional Medal of Honor
DANIEL PIPES
DAW
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
DEMOCRAZIA LIBERALE
DONNA IRAKENA
ENCUENTRO
EDICOLA GLOBALE
EROE DI PACE
EBRAISMO
Esperimento
FORZE LIBANESI
FORATTINI
FOX-NEWS
FREE IRAN -NEWS
FOIBE
FREE THOUGHTS
Grende
GIOVANNA GIACOMAZZI
Gaetano Saglimbeni
GOOGLE NEWS
GOOGLE
GODADO
GOVERNO ITALIANO
Gino
HURRICANE
il veliero
IO ESISTO
ITALIA SVEGLIATI
ITALIANS
IRANIANI
ITALIANI LIBERI
IL VELINO
Ideazione blog
Il Principe
IRAN-VA-JAHAN
IRAQ LIBERO
IRAQI VOICES
IRAK-PROVISIONAL -AUTHORITY
IL GIULIVO
IRANIAN
Krillix
KUWAIT ERA L'INFERNO
LIBERTA' DI PENSIERO
LIBERALI
L'asse CATTOLICO-COMUNISTA -ISLAMICO E LA CANCELLAZIONE DELL'OCCIDENTE IN EUROPA
LISISTRATA
LIBERO
Libertà per il Popolo Cubano
La Radice
Lilit
Libertà per il Popolo Tibetano
L'ISLAM CONTRO L'ITALIA
LIBERALI PER ISRAELE
LE COSE DA DIRE
LISISTRATA
LA ZANZARA DISPETTOSA
Liberi-Insieme
LAGER
Mai dire Blog

MIOCUGGINO
MICHAEL YON
MESSINA FORTIFICATA
MEDEA
MUSEIONLINE
MOVIMENTIAMOCI
Maralai
Marci
MONTAGNARD
NET FOR CUBA
Nilus
NESSIE
NON SOLO PAROLE
ORSA MAGGIORE
ORPHEUS
OLOKAUSTOS
Oggi
Puravita
PIANETA GULAG
PIER LUIGI BAGLIONI
PERICLES
PENSIERO LIBERO
Per Non Dimenticare le Vittime del Terrorismo
PULSE-24
PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA
PAGINE BIANCHE
politically-scorrect
QUOTIDIANI INTERNAZIONALI
REPRESSIONE A CUBA
Respublica
SCLERETTA
STORIA
ShockAndAwe
Sorvegliato Speciale
SUPPORT OUR TROOPS
STOP FGM
SUSSIDIARIO
SENATO
SANTA SEDE
SHOCKANDAWE
SALVARE L'ITALIA PRIMA CHE SCOMPAIA
SOLIDARIETA' ALLE DONNE IRANIANE
TREDICI MAGGIO
TRADUTTORE
Tea
TRE TIGRI
Tania Rocha
UN ITALIANO A CUBA
Unione per le Libertà
Una voce che urla nel deserto
UNIONE EUROPEA
Unione per le Libertà a Cuba
VIRUS IL GIORNALE ON LINE
VIRGILIO
VOCI DELL'IRAQ LIBERO
Victims of Saddam's Regime
Web Cam Times Square di New York
WEB CAM MOSCA
Web Cam Muro del Pianto Gerusalemme
Web Cam Mare delle Antille
Web-The Statue of Liberty
WEBCAM -TORONTO
YAHOO
YONI
1972


TORONTO WEB CAM
FAITHFREEDOM

POLIZIA DI STATO
CARABINIERI
GUARDIA DI FINANZA
Earth Cam Ground Zero
Sindacato Autonomo Polizia

cerca
letto 3969087 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


26 giugno 2007

Veltroni, i buoni sentimenti ed il marketing della immagine

 

Veltroni, i buoni sentimenti
ed il marketing della immagine
   

 

 

di Gaetano Saglimbeni 

 

              

            
              Walter Veltroni, sindaco di Roma, sarà eletto il 14 
                      ottobre segretario nazionale del nuovo Partito
                      democratico costituito dagli ex  comunisti della
                      Quercia e dagli ex democristiani  della Margherita

 

 

            Per il politico-filosofo Massimo Cacciari, sindaco di Venezia, il ricorso a Walter, Veltroni, il sindaco ex comunista “kennediano” di Roma, è l’ultima ciambella di salvataggio per tentare di risollevare le sorti di un partito che sembrava destinato a nascere già morto. Ma basterà l’indubbio “appeal” di un ex segretario di partito ed ex direttore dell’Unità che si commuove per la morte di Patricio e ama farsi fotografare con i bambini negri in braccio, a salvare la baracca di Prodi e compagni?

 

           I leader della Casa delle libertà non hanno dubbi: la scelta di Veltroni è stata ed è una operazione più da marketing che di sostanza. Parlano di un “personaggio eccessivamente sovrastimato rispetto a quello che ha fatto vedere sul campo”. Ricordano che da vice premier con Prodi presidente, dal 1996 al 98, si è visto ben poco ed ha fatto pochissimo; da segretario dei Ds, nel 2001, ha portato il partito e la coalizione delle sinistre-Ulivo ad una sconfitta pesantissima contro la Casa delle Libertà; e come sindaco di Roma, da buon uomo di marketing, ha badato e bada più alla forma che alla sostanza: per dirla con Ernesto Galli della Loggia, autorevole editorialista del Corriere della Sera, “più che la sua città, ha saputo amministrare benissimo le propria immagine”. E’ la ragione per la quale gode di buona stampa, anche se a Roma le cose non vanno per nulla bene, come i  “laudatores” del veltronismo vorrebbero far credere.

           “Il centro di Roma è invivibile, anzi è un inferno”, ha scritto Galli della Loggia. “Si cammina tra carbonare e straccetti alla rucola, avvolti in una nuvola nauseabonda di odori di cucina, di fritto, di scappamenti e di miasmi di rifiuti. Assenti o compiacenti (more solito), i vigili urbani lasciano fare tutto. Quanto al sindaco, lui è probabilmente da qualche altra parte; chi dice di averlo visto l’ultima volta a Hollywood, in Sunset Boulevard, chi in un villaggio dello Zimbabwe”. Una descrizione amara e ironica della città, certo,  ma anche reale, con un sindaco che si vede molto in giro per il mondo (per occuparsi di cinema, di fame e malattie nei Paesi del Terzo Mondo) e poco, pochissimo, nella sua città. In fatto di trasporti e sicurezza, come sanno benissimo i romani, la situazione è certamente drammatica. Non mi pare che esageri , Silvio Berlusconi, quando dichiara ufficialmente che “l’amministrazione in carica al Campidoglio è una delle peggiori della storia della città”. 


           Adesso il sindaco delle “notti bianche” (e del nuovo festival del cinema che fa la guerra a Venezia e per questo ha irritato tanto il sindaco-filosofo Cacciari) è stato chiamato a prendere il timone del Partito democratico, invocato e acclamato da Fassino e D’Alema, da Bersani e dalla Finocchiaro, come una sorta di “salvatore della Patria”. E lui, maestro nel marketing della propria immagine, non ha perso tempo a dichiarare, nella prima intervista televisiva dopo l’annuncio ufficiale della sua designazione, di aver letto un sondaggio fresco di stampa dal quale risultava non soltanto che è lui il più bravo ed il più popolare nel partito degli ex comunisti, ma anche (udite, udite!) che, con la sua discesa in campo, l’Unione delle sinistre aveva già superato la Casa delle libertà. Spariti d’un colpo, addirittura in una nottata, i 18 o 20 punti di svantaggio della coalizione di Prodi rispetto alla Casa delle libertà di Berlusconi: un autentico miracolo, dal “padre Pio della politica” (come lo definiscono quelli che si divertono a sfotticchiarlo per le sue vanteria, le smargiassate, le balle).

 

           Nella Unione delle sinistre-Ulivo è Romano Prodi il “principe dei cacciaballe”, ma sono in molti a pensare che Walter Veltroni, in fatto di frottole, non è secondo a nessuno. Fantasioso e pericoloso, come lo era il prof Romano Prodi prima che fosse scoperto come ballista, perché il Walter, da uomo di cinema (con diploma al Centro cinematografico di Roma, che è l’unico titolo di studio della sua vita), conosce le arti dello spettacolo e della seduzione mediatica; e le sa sfruttare con grande abilità e furberie d’ogni genere, compresa la lacrimuccia facile che spesso compare sotto i suoi occhiali da intellettuale-missionario. Ma non mi pare si possa o si debba parlare di “bluff”, tutto fumo e poco arrosto, come fanno i suoi detrattori. Anche se da uomo di partito e di governo non ha mai brillato e da sindaco di Roma, come dice Galli della Loggia, più che la sua città, ha pensato ad amministrare benissimo la propria immagine.

 

           “Il nuovo che avanza”, è lo slogan coniato subito dalla grancassa propagandistica delle sinistre-Ulivo per il suo ritorno alla politica nazionale. Lo avevano detto Fassino e compagni l’anno scorso in campagna elettorale, senza temere il ridicolo, anche per Romano Prodi, che in politica è da 29 anni. “Per me”, dice l’imprenditore Silvio Berlusconi che in politica è da soli 13 anni, “è, come per Prodi, il vecchio che ritorna: Romano tornava dall’esilio di Bruxelles, dove l’aveva spedito il D’Alema che gli aveva preso la poltrona a palazzo Chigi, e Walter si prepara a far ritorno dall’esilio del Campidoglio, dove l’avevano mandato i compagni della Quercia dopo la sconfitta alle politiche del 2001”.

           Un vecchio “laudator del comunismo”, lo ha definito il presidente di Forza Italia, sostenendo che “ha dato forse il meglio di sé come direttore dell’Unità ed è uscito di scena, insieme al comunismo, senza lasciare traccia”. “Dico meglio”,si è corretto subito Berlusconi, “le tracce esistono, ben chiare: gli articoli che ha scritto per anni sull’Unità per la esaltazione del comunismo, che l’organo ufficiale del Partito comunista italiano indicava addirittura come modello per noi italiani poveri democristiani. Solo che, per un amaro gioco del destino (o del pentitismo politico, di cui il buon Walter è stato protagonista insieme a tanti suoi compagni di un tempo), quegli articoli li tiene ben chiusi in un cassetto. Penso che se ne vergogni, il ‘nuovo’ Walter. Ed è un peccato, perché sono forse le uniche cose autentiche del suo far politica”.

 

           E’ quello che penso anch’io, nel mio piccolo, dell’illustre mio collega in giornalismo Walter Veltroni. Ho sempre apprezzato e apprezzo gli uomini con le idee  chiare in testa, anche se contrarie alle mie; non mi sono mai piaciuti gli ipocriti, quelli che vogliono stare (come si suol dire) con un piede in due staffe, gli opportunisti, i trasformisti che, dopo avere abiurato le proprie idee, si arrampicano sugli specchi per costruirsi una nuova immagine e dimostrare a se stessi ed agli altri di contare ancora. Ed un invito vorrei rivolgere al leader che, se sono vere le voci che circolano, sarà il candidato delle sinistre-Ulivo per la presidenza del Consiglio: perché non raccoglie quegli articoli in un bel volume? Penso che i lettori di ‘Senza Patricio’ e dei suoi libri sull’Africa sarebbero felici di leggerli.

 

          C’è tanta verità in quello che si scrive di cose in cui si crede e penso che lui credesse davvero allora (anche se chiaramente si sbagliava) in quello che scriveva sul “comunismo fonte di democrazia e di benessere per tutti”. Quella verità o quelle verità che non sempre si trovano nei testi ispirati da una certa retorica dei buoni sentimenti, specie quando sono strumentalizzati dalla politica e dal marketing della immagine. Hanno il diritto, i giovani di oggi, di conoscere anche l’altro Veltroni, per capire se era più vero e autentico quello di ieri e si deve credere totalmente e ciecamente a quello di oggi.

 

                                                         Gaetano Saglimbeni

 

www.gaetanosaglimbenitaormina.it

e-mail: gaetano.saglimbeni@alice.it




permalink | inviato da Controcorrente il 26/6/2007 alle 21:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

sfoglia     maggio        luglio


 

                                         
 



Non andare in giro dicendo
che il mondo ti deve dare da vivere.
Il mondo non ti deve dare nulla :
era lì prima che tu arrivassi.

 

 

ControCorrente

Movimento d'opinione
che si propone di premiare
dare fiducia a persone
e politici che siano
garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore.
Sono garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore:
 
 
Vota:Berlusconi,Angelilli

 
    
 

     

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Fiamma Nierenstein
 
 

No alla Ue




ORIANA FALLACI



Tribute to Reagan


 

 
 
I comunisti amano
così tanto
i poveri da volerne
creare  altri

Noi cattolici diciamo  
si alla base americana
di  Vicenza

 






 

Vendere la RAI
con tutti i suoi parassiti.

Eliminare l'ente Provincia
che ha poche ragioni per
giustificare la sua esistenza
 e molte per suggerire
 lo scioglimento.


(IM)MORALISTI


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

        G.M.

 

Antonio Di Pietro salvò
i comunisti da tangentopoli.


 

 

Le bugie di Veltroni

 

 Le bugie di Prodi



 



 


    

 

 

 

 


 

 

 

 

 

Veronica

 

 

 




 



Immigrati




 

Il comunismo è una
giusta distribuzione
della miseria.


 




L'assemblea parlamentare del
 Consiglio d'Europa
ha approvato il 25 gennaio 2006,
con 99 voti a favore e 42 contrari,
una risoluzione presentata dal deputato
svedese Goran Lindblad a
nome del PPE, che condanna
 i "crimini del comunismo" equiparando
il comunismo stesso al nazismo.
Anzi, considerando che nel rapporto
che accompagnava la proposta
di risoluzione, intitolata "Necessità di
una condanna internazionale dei
crimini del comunismo", si accredita
la cifra di quasi cento milioni di morti
 causati direttamente o
indirettamente dal comunismo,
quest'ultimo risulterebbe addirittura,
almeno come numero di vittime,
 di gran lunga peggiore del nazismo. 
 
 
METTERE FUORI LEGGE
I PARTITI COMUNISTI IN ITALIA,
come sono stati messi fuori legge
il partito fascista in Italia e
il partito nazional socialista in Germania.



 





Se li abbandonate i
bastardi siete voi


islam fuorilegge vìola
 i fondamentali diritti
degli uomini e delle donne.






islam in azione


 

Loading...      (GIF file  396KB)



 
 

 


 

 

VIDEO DONNA FRUSTATA IN SUDAN -

 

 










 


La resistenza non è mai esistita,
è solo frutto della propaganda
dei comunisti.
Indro Montanelli.

 



 
 
 
 
Gadgets powered by Google