.
Annunci online

  Controcorrente [ " Se pur circondato non è ancora preso" ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


http://www.sat24.com/eu
Geert Wilders
ELISABETH SABADITSCH
Pro-Koeln
SIOE
Vlaams Belang
INTERNATIONAL FREE PRESS SOCETY
VIGILANT FREEDOM
CENTER FOR SECURITY POLICY
ACT ! FOR AMERICA
Wafa Sultan
http://www.englishdefenceleague.org/
Apostate of islam
Adriana Bolchini
Pietro Luigi Crasti
FORMER MUSLIMS UNITED
OSSERVATORIO DEL DIRITTO ITALIANO E INTERNAZIONALE
Fondazione Lepanto
ON.SOUAD SBAI
ON.FIAMMA NIRENSTEIN
ON.RICCARDO DE CORATO
ON.MARCO ZACCHERA
ControCorrente2
ControCorrente3
ControCorrente4
PressAgencyFreeLand
Movimiento Estudiantil Venezuela
Stop Ahmadinejad
FORT
Mefisto
Giornalaio
antibassolino
ArtisticaMente
Barbara di Salvo
Don Fortunato Di Noto
Edizioni Lindau: www.lindau.it
IL BERRETTO A SONAGLI
Tomari
Terror haza
Un posto nel mondo
KRITIKON
FOTOGRAMMA
ORSA MAGGIORE
Libera Cuba
Sarcastycon


CERCANO CASA
liberacuba
SANE
Non porgiamo l'altra guancia
300705
USCIRE DALL'ISLAM
A DESTRA
Against Terror
AURORA86
ANTIKOMUNISTA
australia
AUTOCERTIFICAZIONI
ANGELO ROSSI EMANUELE
America
Aqua
Autorità per le Garanzie.
ANTI-NO-GLOBAL
BBC-NEWS
BIETTI DAL 1870
BARLETTA LIBERALE
CONTROCORRENTE-2
CONTROCORRENTE-SATIRA
COSTITUZIONE ITALIANA E CORTE COSTITUZIONALE
COX & FORKUM
CAMERA DEI DEPUTATI
CALIMERO
CREONTE
Capperi
Censurarossa
Conservatori Italiani
CARLO MENEGANTE
Congressional Medal of Honor
DANIEL PIPES
DAW
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
DEMOCRAZIA LIBERALE
DONNA IRAKENA
ENCUENTRO
EDICOLA GLOBALE
EROE DI PACE
EBRAISMO
Esperimento
FORZE LIBANESI
FORATTINI
FOX-NEWS
FREE IRAN -NEWS
FOIBE
FREE THOUGHTS
Grende
GIOVANNA GIACOMAZZI
Gaetano Saglimbeni
GOOGLE NEWS
GOOGLE
GODADO
GOVERNO ITALIANO
Gino
HURRICANE
il veliero
IO ESISTO
ITALIA SVEGLIATI
ITALIANS
IRANIANI
ITALIANI LIBERI
IL VELINO
Ideazione blog
Il Principe
IRAN-VA-JAHAN
IRAQ LIBERO
IRAQI VOICES
IRAK-PROVISIONAL -AUTHORITY
IL GIULIVO
IRANIAN
Krillix
KUWAIT ERA L'INFERNO
LIBERTA' DI PENSIERO
LIBERALI
L'asse CATTOLICO-COMUNISTA -ISLAMICO E LA CANCELLAZIONE DELL'OCCIDENTE IN EUROPA
LISISTRATA
LIBERO
Libertà per il Popolo Cubano
La Radice
Lilit
Libertà per il Popolo Tibetano
L'ISLAM CONTRO L'ITALIA
LIBERALI PER ISRAELE
LE COSE DA DIRE
LISISTRATA
LA ZANZARA DISPETTOSA
Liberi-Insieme
LAGER
Mai dire Blog

MIOCUGGINO
MICHAEL YON
MESSINA FORTIFICATA
MEDEA
MUSEIONLINE
MOVIMENTIAMOCI
Maralai
Marci
MONTAGNARD
NET FOR CUBA
Nilus
NESSIE
NON SOLO PAROLE
ORSA MAGGIORE
ORPHEUS
OLOKAUSTOS
Oggi
Puravita
PIANETA GULAG
PIER LUIGI BAGLIONI
PERICLES
PENSIERO LIBERO
Per Non Dimenticare le Vittime del Terrorismo
PULSE-24
PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA
PAGINE BIANCHE
politically-scorrect
QUOTIDIANI INTERNAZIONALI
REPRESSIONE A CUBA
Respublica
SCLERETTA
STORIA
ShockAndAwe
Sorvegliato Speciale
SUPPORT OUR TROOPS
STOP FGM
SUSSIDIARIO
SENATO
SANTA SEDE
SHOCKANDAWE
SALVARE L'ITALIA PRIMA CHE SCOMPAIA
SOLIDARIETA' ALLE DONNE IRANIANE
TREDICI MAGGIO
TRADUTTORE
Tea
TRE TIGRI
Tania Rocha
UN ITALIANO A CUBA
Unione per le Libertà
Una voce che urla nel deserto
UNIONE EUROPEA
Unione per le Libertà a Cuba
VIRUS IL GIORNALE ON LINE
VIRGILIO
VOCI DELL'IRAQ LIBERO
Victims of Saddam's Regime
Web Cam Times Square di New York
WEB CAM MOSCA
Web Cam Muro del Pianto Gerusalemme
Web Cam Mare delle Antille
Web-The Statue of Liberty
WEBCAM -TORONTO
YAHOO
YONI
1972


TORONTO WEB CAM
FAITHFREEDOM

POLIZIA DI STATO
CARABINIERI
GUARDIA DI FINANZA
Earth Cam Ground Zero
Sindacato Autonomo Polizia

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


10 aprile 2007

La rabbia dei familiari: Roma non ha fatto abbastanza

 
 Dal Giornale
La rabbia dei familiari: Roma non ha fatto abbastanza
Di Redazione

«Il governo italiano non si è impegnato a fondo per salvare Adjmal, come hanno fatto con il vostro collega giornalista. Per questo motivo il mio fraterno amico è stato brutalmente assassinato». Non ha peli sulla lingua, Zia, abiti occidentali, fuoristrada da gente che conta, che quasi non vuole rispondere alla telefonata de il Giornale. Lavoriamo per una testata italiana, del Paese che, secondo lui e molti afghani, ha abbandonato Adjmal Nashkbandi, l’interprete del giornalista di Repubblica, Daniele Mastrogiacomo, al suo ingrato destino. Zia è l’amico che parla inglese e fin dalle prime ore si è sempre speso, al fianco alla famiglia e davanti alle telecamere, in appelli e prese di posizione per far liberare il suo amico. «Adjmal si è appena sposato, ma non scrivetelo fino a quando l’avremo riabbracciato», ci aveva detto a Kabul all’inizio dell’incubo.
«La vita di uno straniero è evidentemente più importante di quella di un afghano, un musulmano, un uomo in buona fede», rincara la dose Ahmad Massoud, il cugino di Adjmal, che se la prende soprattutto con il governo di Hamid Karzai, il presidente afghano.
La famiglia dell’interprete e giornalista decapitato è chiusa nel dolore, ma qualche dichiarazione, a denti stretti, trapela. «Il tempo delle interviste è passato e adesso che ho perso mio fratello – spiega a il Giornale Munir Nashkbandi -, la nostra famiglia è distrutta. Fra chi ha ucciso Adjmal e il governo afghano non vediamo grande differenza, perché nessuno si è veramente dato da fare per la sua liberazione. Ora lasciateci in pace, lasciateci al nostro lutto...».

Riscatti Boomerang

Di MAGDI ALLAM

Mors tua vita mea. È questa, all’indomani della barbara decapitazione del giornalista afghano Adjmal Nashkbandi, la sensazione netta che serpeggia tra gli italiani circa la cinica logica perseguita dall’insieme della classe politica, dai governi di destra e di sinistra, per ottenere il rilascio dei nostri connazionali sequestrati dai terroristi islamici. Ormai l’Italia si contraddistingue come il Paese occidentale che, più di altri, è pronto a cedere al ricatto, sia che si tratti di un riscatto in denaro sia che si tratti di esercitare pressioni per ottenere la scarcerazione di terroristi, pur di aver salva la vita dei propri ostaggi. E il fatto che non siamo gli unici, dato che perfino la Gran Bretagna è scesa a patti con Ahmadinejad per ottenere il rilascio di suoi 15 marinai, non deve farci sentire sollevati, ma all’opposto deve accrescere la comune preoccupazione per la grave deriva etica e politica in cui versa l’Occidente. Finora l’Italia, per ottenere la liberazione dei nostri talvolta improvvidi connazionali sequestrati, ha pagato dei riscatti sempre più consistenti. Un fiume di denaro che ha visto concordi governo e opposizione nell’autorizzarlo e nel negarlo pubblicamente, in una delle rare e non esaltanti manifestazioni di unità nazionale. Ebbene ciò che ora non consente più di riproporre quest’approccio spregiudicato, è stata la decapitazione dell’autista dell’inviato de la Repubblica Daniele Mastrogiacomo, Sayed Agha, e del suo interprete Adjmal. Due cadaveri di troppo che non è proprio possibile occultare e tacere. Che vengono pianti dalla vedova e dai cinque figlioletti di Sayed e dai familiari di Adjmal. Due vite spezzate in una trama che ruota intorno all’Italia, di natura terroristico-politica, in cui Sayed e Adjmal hanno finito per essere brutalmente immolati come vittime sacrificali. Ecco perché ora l’Italia non può tirarsi indietro.
Credo che l’Italia dovrebbe innanzitutto avere la sensibilità umana e il senso della giustizia necessari per assumersi appieno la propria responsabilità nei confronti delle famiglie di Sayed e di Adjmal, assicurando loro le condizioni materiali per sopravvivere dignitosamente. In secondo luogo, l’Italia dovrebbe formalmente condannare I Taliban, ritirando la incredibile proposta di coinvolgerli nella conferenza di pace per l’Afghanistan. In terzo luogo, l’Italia dovrebbe ufficialmente impegnarsi a non consentire mai più il pagamento di riscatti o cedere in alcun modo alle richieste delle bande terroristico-criminali. Non possiamo essere strenui difensori della legge che in Italia impone il blocco dei beni della famiglia del sequestrato per impedire il pagamento del riscatto, e poi acconsentire che sia lo Stato stesso a pagare con denaro pubblico il riscatto ai terroristi. Infine l’Italia dovrebbe, al più presto, far osservare un minuto di silenzio nei posti di lavoro, nelle scuole, all'inizio delle manifestazioni sportive, in memoria di Sayed e di Adjmal, per testimoniare che per noi il valore della vita è assoluto e universale.
Questo è quanto io immagino gran parte degli italiani vorrebbe che il nostro governo facesse per recuperare la credibilità dello Stato, la cultura dell’interesse nazionale, il primato della civiltà occidentale che non mercanteggia sul diritto alla vita.

www.corriere.it/allam

 Dal Foglio
La scoperta più recente a sinistra è che I talebani sono tagliagole

Al direttore -
Adjmal è un nome che in Italia sarà presto scordato e forse anche in Afghanistan, ma è il nome del traduttore del giornalista di Repubblica Daniele Mastrogiacomo: pure in Afghanistan sarà dimenticato e sarà tra I tanti morti di tutte le guerre degli ultimi decenni di quel paese, un caduto tra gli altri. Solo I parenti della vittima si rammenteranno di questo poveretto e la sua morte sarà una faccenda privata, eppure non è così. Non è una delle tante vittime di odi, di faide tribali e religiose, non è un combattente, un militare filogovernativo, caduto in combattimento, è un poveraccio che lavorava per l’informazione giornalistica, come il giornalista Mastrogiacomo. Si sarebbe potuto salvare? Quanto sarebbe costato alla diplomazia nazionale, alle trattative, la sua vita? Forse poco o quasi niente eppure si sono scordati di lui: la sua vita non rientrava nelle mediazioni e nell’immagine positiva che il governo italiano doveva avere sull’opinione pubblica nazionale. Sì, il pover uomo non valeva neppure quattro soldi e ci si è dimenticati di lui. Gli hanno tagliato la testa come a un cane infedele, peggio, come a un traditore. Peccato che la vita umana conti così poco quando non si è occidentali.
Arduino Rossi
 

Al direttore - Adjmal Nashkbandi, l’interprete di Mastrogiacomo, è stato decapitato – e chissà, magari proprio dalla mano di uno di quei talebani liberati per salvare Prodi. Per Gino Strada, però, “la cricca di assassini” sono gli 007 afghani. Per carità, magari è vero che Rahmatullah Hanefi è soltanto un’altra povera vittima di questa storia. Io però sono veramente stufo di sentire le prediche di quelli che, vestiti da candidi agnelli, si mescolano tra il gregge e invece stanno dalla parte dei lupi.
Giovanni Verlini
 

Al direttore - Ucciso l’interprete Adjmal, per Mastrogiacomo “la responsabilità ricade interamente sui Talebani: hanno mostrato al mondo la loro vera faccia”. Dopo soli 11 anni di inaudite crudeltà, l’annientamento sociale e civile delle donne e migliaia di vittime, ha realizzato che tipi sono. Quanti altri morti ammazzati ci vorranno prima che venga qualche dubbio anche alle redazioni de Il Manifesto, Liberazione, Il Mattino, L’Unità?
Francesca Sgorbati Bosi




permalink | inviato da il 10/4/2007 alle 10:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     marzo        maggio


 

                                         
 



Non andare in giro dicendo
che il mondo ti deve dare da vivere.
Il mondo non ti deve dare nulla :
era lì prima che tu arrivassi.

 

 

ControCorrente

Movimento d'opinione
che si propone di premiare
dare fiducia a persone
e politici che siano
garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore.
Sono garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore:
 
 
Vota:Berlusconi,Angelilli

 
    
 

     

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Fiamma Nierenstein
 
 

No alla Ue




ORIANA FALLACI



Tribute to Reagan


 

 
 
I comunisti amano
così tanto
i poveri da volerne
creare  altri

Noi cattolici diciamo  
si alla base americana
di  Vicenza

 






 

Vendere la RAI
con tutti i suoi parassiti.

Eliminare l'ente Provincia
che ha poche ragioni per
giustificare la sua esistenza
 e molte per suggerire
 lo scioglimento.


(IM)MORALISTI


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

        G.M.

 

Antonio Di Pietro salvò
i comunisti da tangentopoli.


 

 

Le bugie di Veltroni

 

 Le bugie di Prodi



 



 


    

 

 

 

 


 

 

 

 

 

Veronica

 

 

 




 



Immigrati




 

Il comunismo è una
giusta distribuzione
della miseria.


 




L'assemblea parlamentare del
 Consiglio d'Europa
ha approvato il 25 gennaio 2006,
con 99 voti a favore e 42 contrari,
una risoluzione presentata dal deputato
svedese Goran Lindblad a
nome del PPE, che condanna
 i "crimini del comunismo" equiparando
il comunismo stesso al nazismo.
Anzi, considerando che nel rapporto
che accompagnava la proposta
di risoluzione, intitolata "Necessità di
una condanna internazionale dei
crimini del comunismo", si accredita
la cifra di quasi cento milioni di morti
 causati direttamente o
indirettamente dal comunismo,
quest'ultimo risulterebbe addirittura,
almeno come numero di vittime,
 di gran lunga peggiore del nazismo. 
 
 
METTERE FUORI LEGGE
I PARTITI COMUNISTI IN ITALIA,
come sono stati messi fuori legge
il partito fascista in Italia e
il partito nazional socialista in Germania.



 





Se li abbandonate i
bastardi siete voi


islam fuorilegge vìola
 i fondamentali diritti
degli uomini e delle donne.






islam in azione


 

Loading...      (GIF file  396KB)



 
 

 


 

 

VIDEO DONNA FRUSTATA IN SUDAN -

 

 










 


La resistenza non è mai esistita,
è solo frutto della propaganda
dei comunisti.
Indro Montanelli.

 



 
 
 
 
Gadgets powered by Google