.
Annunci online

  Controcorrente [ " Se pur circondato non è ancora preso" ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


http://www.sat24.com/eu
Geert Wilders
ELISABETH SABADITSCH
Pro-Koeln
SIOE
Vlaams Belang
INTERNATIONAL FREE PRESS SOCETY
VIGILANT FREEDOM
CENTER FOR SECURITY POLICY
ACT ! FOR AMERICA
Wafa Sultan
http://www.englishdefenceleague.org/
Apostate of islam
Adriana Bolchini
Pietro Luigi Crasti
FORMER MUSLIMS UNITED
OSSERVATORIO DEL DIRITTO ITALIANO E INTERNAZIONALE
Fondazione Lepanto
ON.SOUAD SBAI
ON.FIAMMA NIRENSTEIN
ON.RICCARDO DE CORATO
ON.MARCO ZACCHERA
ControCorrente2
ControCorrente3
ControCorrente4
PressAgencyFreeLand
Movimiento Estudiantil Venezuela
Stop Ahmadinejad
FORT
Mefisto
Giornalaio
antibassolino
ArtisticaMente
Barbara di Salvo
Don Fortunato Di Noto
Edizioni Lindau: www.lindau.it
IL BERRETTO A SONAGLI
Tomari
Terror haza
Un posto nel mondo
KRITIKON
FOTOGRAMMA
ORSA MAGGIORE
Libera Cuba
Sarcastycon


CERCANO CASA
liberacuba
SANE
Non porgiamo l'altra guancia
300705
USCIRE DALL'ISLAM
A DESTRA
Against Terror
AURORA86
ANTIKOMUNISTA
australia
AUTOCERTIFICAZIONI
ANGELO ROSSI EMANUELE
America
Aqua
Autorità per le Garanzie.
ANTI-NO-GLOBAL
BBC-NEWS
BIETTI DAL 1870
BARLETTA LIBERALE
CONTROCORRENTE-2
CONTROCORRENTE-SATIRA
COSTITUZIONE ITALIANA E CORTE COSTITUZIONALE
COX & FORKUM
CAMERA DEI DEPUTATI
CALIMERO
CREONTE
Capperi
Censurarossa
Conservatori Italiani
CARLO MENEGANTE
Congressional Medal of Honor
DANIEL PIPES
DAW
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
DEMOCRAZIA LIBERALE
DONNA IRAKENA
ENCUENTRO
EDICOLA GLOBALE
EROE DI PACE
EBRAISMO
Esperimento
FORZE LIBANESI
FORATTINI
FOX-NEWS
FREE IRAN -NEWS
FOIBE
FREE THOUGHTS
Grende
GIOVANNA GIACOMAZZI
Gaetano Saglimbeni
GOOGLE NEWS
GOOGLE
GODADO
GOVERNO ITALIANO
Gino
HURRICANE
il veliero
IO ESISTO
ITALIA SVEGLIATI
ITALIANS
IRANIANI
ITALIANI LIBERI
IL VELINO
Ideazione blog
Il Principe
IRAN-VA-JAHAN
IRAQ LIBERO
IRAQI VOICES
IRAK-PROVISIONAL -AUTHORITY
IL GIULIVO
IRANIAN
Krillix
KUWAIT ERA L'INFERNO
LIBERTA' DI PENSIERO
LIBERALI
L'asse CATTOLICO-COMUNISTA -ISLAMICO E LA CANCELLAZIONE DELL'OCCIDENTE IN EUROPA
LISISTRATA
LIBERO
Libertà per il Popolo Cubano
La Radice
Lilit
Libertà per il Popolo Tibetano
L'ISLAM CONTRO L'ITALIA
LIBERALI PER ISRAELE
LE COSE DA DIRE
LISISTRATA
LA ZANZARA DISPETTOSA
Liberi-Insieme
LAGER
Mai dire Blog

MIOCUGGINO
MICHAEL YON
MESSINA FORTIFICATA
MEDEA
MUSEIONLINE
MOVIMENTIAMOCI
Maralai
Marci
MONTAGNARD
NET FOR CUBA
Nilus
NESSIE
NON SOLO PAROLE
ORSA MAGGIORE
ORPHEUS
OLOKAUSTOS
Oggi
Puravita
PIANETA GULAG
PIER LUIGI BAGLIONI
PERICLES
PENSIERO LIBERO
Per Non Dimenticare le Vittime del Terrorismo
PULSE-24
PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA
PAGINE BIANCHE
politically-scorrect
QUOTIDIANI INTERNAZIONALI
REPRESSIONE A CUBA
Respublica
SCLERETTA
STORIA
ShockAndAwe
Sorvegliato Speciale
SUPPORT OUR TROOPS
STOP FGM
SUSSIDIARIO
SENATO
SANTA SEDE
SHOCKANDAWE
SALVARE L'ITALIA PRIMA CHE SCOMPAIA
SOLIDARIETA' ALLE DONNE IRANIANE
TREDICI MAGGIO
TRADUTTORE
Tea
TRE TIGRI
Tania Rocha
UN ITALIANO A CUBA
Unione per le Libertà
Una voce che urla nel deserto
UNIONE EUROPEA
Unione per le Libertà a Cuba
VIRUS IL GIORNALE ON LINE
VIRGILIO
VOCI DELL'IRAQ LIBERO
Victims of Saddam's Regime
Web Cam Times Square di New York
WEB CAM MOSCA
Web Cam Muro del Pianto Gerusalemme
Web Cam Mare delle Antille
Web-The Statue of Liberty
WEBCAM -TORONTO
YAHOO
YONI
1972


TORONTO WEB CAM
FAITHFREEDOM

POLIZIA DI STATO
CARABINIERI
GUARDIA DI FINANZA
Earth Cam Ground Zero
Sindacato Autonomo Polizia

cerca
letto 3969177 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


17 marzo 2007

Corone di fiori, poche parole di circostanza e tanta ipocrisia in via Fani

Corone di fiori, poche parole di circostanza e tanta ipocrisia in via
Fani, dove il 16 marzo del 1978 le Brigate rosse sequestrarono il
leader della Democrazia cristiana, e la Tv di Stato ignora la ricorrenza 
 
Nell’anniversario del tragico sequestro
di Aldo Moro nessuno ha ricordato che
i suoi carnefici incassano "parcelle d’oro"
come consulenti di ministri, presidenti
di Regioni e sindaci “rossi” compiacenti
 
Nel generosissimo banchetto della politica, gestito dai comunisti ed estremisti di sinistra al governo con il compagno Prodi, si rimpinzano allegramente (con i soldi dei cittadini che lavorano e pagano le tasse) nullafacenti senza arte né parte, tuttologi esperti in tutto e niente ed ex terroristi assassini. Ventinove anni di processi, intellettuali da strapazzo a braccetto con delinquenti comuni esaltati dal fanatismo politico e politici pronti a dare coperture ai falsi eroi della rivoluzione proletaria, tanti ergastoli (non scontati, purtroppo), maxi-condanne che dovevano essere esemplari e non hanno impedito a rivoluzionari e fiancheggiatori, rimessi troppo presto in libertà, di riciclarsi nella politica, con incarichi di prestigio, super-pagati, nel sottogoverno ma anche nelle istituzioni, a tutti i livelli. Un oltraggio alla memoria di Aldo Moro e dei tanti morti ammazzati dai brigatisti rivoluzionari che volevano conquistare il potere con gli eccidi e adesso lo hanno avuto in grazioso regalo dal compagno premier Prodi
di Gaetano Saglimbeni
              
            Ci sono pure i biechi carnefici di Aldo Moro nel generosissimo banchetto della politica, gestito con tanto impegno e illuminata partecipazione dai comunisti ed estremisti di sinistra al governo con il compagno premier Romano Prodi. Si rimpinzano allegramente, con i soldi dei cittadini che lavorano e pagano le tasse, nullafacenti senza arte né parte, tuttologi esperti in tutto e niente ed ex terroristi assassini. Compresi quelli che la mattina del 16 marzo del 1978 aggredirono e sequestrarono il leader della Democrazia cristiana, dopo aver sterminato i cinque uomini della sua scorta, e lo ammazzarono poi atrocemente, al termine di un terribile calvario durato 55 giorni.    
          Ventinove anni di processi, intellettuali da strapazzo a braccetto con delinquenti comuni esaltati dal fanatismo politico e politici pronti a dare coperture ai falsi eroi della rivoluzione proletaria, tanti ergastoli (scontati solo parzialmente, purtroppo), maxi-condanne che dovevano essere esemplari e non hanno impedito a rivoluzionari e fiancheggiatori, rimessi troppo presto in libertà (compresi gli ergastolani), di riciclarsi nella politica, muovendosi sotto banco, con la speciale benedizione (e “parcelle d’oro” per le consulenze più strane) di presidenti di Regioni e Province “rosse”, di sindaci compiacenti (cito, per tutti, il governatore della Toscana Claudio Martini, il quale ha pagato consulenze sul lavoro in carcere all’ex brigatista ergastolano Senzani, ed il sindaco di Roma Walter Veltroni, il quale ha affidato analoghe consulenze all’ex terrorista Silvia Baraldini che a Rebibbia (prima di passare agli arresti domiciliari) aveva scontato una parte della condanna a 43 anni subita negli Stati Uniti per atti di terrorismo con assassinio di poliziotti.        

          E adesso, con il governo del compagno Prodi, con i comunisti e gli estremisti di sinistra promossi al rango di ministri, vice ministri e sottosegretari, gli ex brigatisti “graziati” anzitempo da una magistratura fin troppo comprensiva sono venuti fuori dall’ombra con la spocchiosa arroganza dei grandi eroi rivoluzionari che hanno conquistato il Paese alla causa del proletariato, destinati dai compagni vecchi e nuovi che sono al governo ad incarichi di assoluto prestigio e grande responsabilità, super-pagati, nel sottogoverno, nei grandi “carrozzoni” della politica, consigli di amministrazione di enti pubblici (quelli utili e, soprattutto, quelli inutili che le sinistre si guardano bene dal sopprimere), ma anche nelle istituzioni, a tutti i livelli.
 
          Sono pure in Parlamento, purtroppo, gli ex brigatisti (assassini e non), i loro mandanti e fiancheggiatori: cito, tra gli altri, l’ex terrorista di Prima linea Sergio D’Elia, condannato a 25 anni per l’assassinio di un poliziotto durante un assalto al carcere di Firenze, il quale non soltanto è stato eletto deputato, ma è anche nella segreteria del presidente della Camera Fausto Bertinotti di Rifondazione comunista. Deputati e senatori della Repubblica italiana vengono raccolti dai partiti dell’estrema sinistra al governo tra i vecchi tromboni della sinistra “illuminata”, ma anche (soprattutto, negli ultimi tempi) tra i giovani dei centri sociali, no-global, no-Tav, disubbidienti, antagonisti, falsi pacifisti anti-americani, tra i rivoluzionari che in piazza bruciano le bandiere americana, israeliana e italiana, danno del criminale a Bush, inneggiando a Bin Laden ed agli hezbollah che hanno portato alla rovina il Libano (grandi amici di Diliberto e Bertinotti, Rizzo e Giordano), i quali nel loro “democraticissimi” programmi di terrorismo e guerra hanno, anzitutto, la distruzione dello Stato di Israele.

          E’ questa l’armata Brancaleone alla quale il compagno premier Romano Prodi (arrivato al governo, bisogna ricordare, con l’Unione delle sinistre in netta minoranza nel Paese, con 220 mila voti in meno al Senato rispetto alla Casa delle libertà e 24 mila in più, ancora sub judice, alla Camera) ha consegnato l’Italia, consentendole la piena occupazione dei palazzi del potere. Una occupazione inquietante, pericolosissima, che è un insulto (diciamolo con grande chiarezza e fermezza) alla memoria di Aldo Moro e dei tanti morti ammazzati di ieri e di oggi. Il più oltraggioso degli insulti, ripugnante e terribile, ai politici e servitori dello Stato, magistrati, poliziotti, giuristi del lavoro, colpiti brutalmente dai nemici delle libertà e della democrazia che volevano conquistare il potere con la rivoluzione e gli eccidi degli uomini rappresentativi delle istituzioni e, adesso che i palazzi del potere li hanno avuti in grazioso regalo dal compagno premier Prodi, vorrebbero tenerseli a vita.
        
          Come è sempre avvenuto, purtroppo, nei Paesi in cui i comunisti sono arrivati al potere: da minoranze e con i rivoluzionari assassini che all’improvviso si trasformano o fingono di trasformarsi in agnellini e (così dicono) in “saggi amministratori della cosa pubblica”, per la felicità della classe proletaria che li ha eletti e della maggioranza che non li ha eletti. Solo che gli italiani, alle favole dei lupi travestiti da agnellini, ai teppisti della politica che diventano d’un colpo illuminati governanti e, fra l’altro, maestri di economia (dissanguando il popolo con le tasse che servono solo ad assicurare il salario garantito a tutti, compresi gli scansafatiche per vocazione che il lavoro non lo cercano neppure, preferendo vivere alle spalle di chi lavora) non credono, si rifiutano di credere.
 
            Se il fischiatissimo premier Prodi è caduto così in basso nei consensi (mai così in passo, nella storia della nostra Repubblica, un presidente del Consiglio in carico: appena il 20 per cento, secondo i dati comunicati da Pagnoncelli a “Ballarò”, rispetto al 62 di Silvio Berlusconi), la ragione c’è, chiara ed inequivocabile. Gli italiani non perdonano al leader delle sinistre-Ulivo Romano Prodi di avere consegnato il Paese ai teppisti della politica, nemici (oggi e sempre) delle libertà e della democrazia. Non perdonano e non perdoneranno mai al compagno premier Prodi ed agli ex democristiani della Margherita e dell’Udeur che lo hanno sostenuto e lo sostengono con i loro voti. Da “utili idioti”, bisogna dire, e senza vergogna: anche per le pagliacciate dei “gay” in  piazza, le cui immagini, purtroppo, riempiono gli schermi televisivi di tutto il mondo, per la vergogna di tutti noi.

          La realtà è questa: piaccia o non piaccia a Mastella e Rutelli, al Follini (ex Udc, eletto nel centrodestra) ultima stampella del traballante governo Prodi ed al Casini (ancora Udc) che, se abbiamo ben capito, arde dalla voglia matta di poterlo presto imitare, per mettersi anche lui al servizio della causa proletaria sostenuta con tanto vigore e illuminato impegno sociale e culturale da Bertinotti e Diliberto, dai no-global di Francesco Caruso, dai transgender di Vladimir Guadagno in Luxuria e dall’ex terrorista assassino Sergio D’Elia, deputato e segretario del presidente della Camera e leader di Rifondazione comunista Fausto Bertinotti.      
                                                         
                                                                   Gaetano Saglimbeni
 
www.gaetanosaglimbenitaormina.it




permalink | inviato da il 17/3/2007 alle 12:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

sfoglia     febbraio        aprile


 

                                         
 



Non andare in giro dicendo
che il mondo ti deve dare da vivere.
Il mondo non ti deve dare nulla :
era lì prima che tu arrivassi.

 

 

ControCorrente

Movimento d'opinione
che si propone di premiare
dare fiducia a persone
e politici che siano
garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore.
Sono garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore:
 
 
Vota:Berlusconi,Angelilli

 
    
 

     

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Fiamma Nierenstein
 
 

No alla Ue




ORIANA FALLACI



Tribute to Reagan


 

 
 
I comunisti amano
così tanto
i poveri da volerne
creare  altri

Noi cattolici diciamo  
si alla base americana
di  Vicenza

 






 

Vendere la RAI
con tutti i suoi parassiti.

Eliminare l'ente Provincia
che ha poche ragioni per
giustificare la sua esistenza
 e molte per suggerire
 lo scioglimento.


(IM)MORALISTI


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

        G.M.

 

Antonio Di Pietro salvò
i comunisti da tangentopoli.


 

 

Le bugie di Veltroni

 

 Le bugie di Prodi



 



 


    

 

 

 

 


 

 

 

 

 

Veronica

 

 

 




 



Immigrati




 

Il comunismo è una
giusta distribuzione
della miseria.


 




L'assemblea parlamentare del
 Consiglio d'Europa
ha approvato il 25 gennaio 2006,
con 99 voti a favore e 42 contrari,
una risoluzione presentata dal deputato
svedese Goran Lindblad a
nome del PPE, che condanna
 i "crimini del comunismo" equiparando
il comunismo stesso al nazismo.
Anzi, considerando che nel rapporto
che accompagnava la proposta
di risoluzione, intitolata "Necessità di
una condanna internazionale dei
crimini del comunismo", si accredita
la cifra di quasi cento milioni di morti
 causati direttamente o
indirettamente dal comunismo,
quest'ultimo risulterebbe addirittura,
almeno come numero di vittime,
 di gran lunga peggiore del nazismo. 
 
 
METTERE FUORI LEGGE
I PARTITI COMUNISTI IN ITALIA,
come sono stati messi fuori legge
il partito fascista in Italia e
il partito nazional socialista in Germania.



 





Se li abbandonate i
bastardi siete voi


islam fuorilegge vìola
 i fondamentali diritti
degli uomini e delle donne.






islam in azione


 

Loading...      (GIF file  396KB)



 
 

 


 

 

VIDEO DONNA FRUSTATA IN SUDAN -

 

 










 


La resistenza non è mai esistita,
è solo frutto della propaganda
dei comunisti.
Indro Montanelli.

 



 
 
 
 
Gadgets powered by Google