.
Annunci online

  Controcorrente [ " Se pur circondato non è ancora preso" ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


http://www.sat24.com/eu
Geert Wilders
ELISABETH SABADITSCH
Pro-Koeln
SIOE
Vlaams Belang
INTERNATIONAL FREE PRESS SOCETY
VIGILANT FREEDOM
CENTER FOR SECURITY POLICY
ACT ! FOR AMERICA
Wafa Sultan
http://www.englishdefenceleague.org/
Apostate of islam
Adriana Bolchini
Pietro Luigi Crasti
FORMER MUSLIMS UNITED
OSSERVATORIO DEL DIRITTO ITALIANO E INTERNAZIONALE
Fondazione Lepanto
ON.SOUAD SBAI
ON.FIAMMA NIRENSTEIN
ON.RICCARDO DE CORATO
ON.MARCO ZACCHERA
ControCorrente2
ControCorrente3
ControCorrente4
PressAgencyFreeLand
Movimiento Estudiantil Venezuela
Stop Ahmadinejad
FORT
Mefisto
Giornalaio
antibassolino
ArtisticaMente
Barbara di Salvo
Don Fortunato Di Noto
Edizioni Lindau: www.lindau.it
IL BERRETTO A SONAGLI
Tomari
Terror haza
Un posto nel mondo
KRITIKON
FOTOGRAMMA
ORSA MAGGIORE
Libera Cuba
Sarcastycon


CERCANO CASA
liberacuba
SANE
Non porgiamo l'altra guancia
300705
USCIRE DALL'ISLAM
A DESTRA
Against Terror
AURORA86
ANTIKOMUNISTA
australia
AUTOCERTIFICAZIONI
ANGELO ROSSI EMANUELE
America
Aqua
Autorità per le Garanzie.
ANTI-NO-GLOBAL
BBC-NEWS
BIETTI DAL 1870
BARLETTA LIBERALE
CONTROCORRENTE-2
CONTROCORRENTE-SATIRA
COSTITUZIONE ITALIANA E CORTE COSTITUZIONALE
COX & FORKUM
CAMERA DEI DEPUTATI
CALIMERO
CREONTE
Capperi
Censurarossa
Conservatori Italiani
CARLO MENEGANTE
Congressional Medal of Honor
DANIEL PIPES
DAW
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
DEMOCRAZIA LIBERALE
DONNA IRAKENA
ENCUENTRO
EDICOLA GLOBALE
EROE DI PACE
EBRAISMO
Esperimento
FORZE LIBANESI
FORATTINI
FOX-NEWS
FREE IRAN -NEWS
FOIBE
FREE THOUGHTS
Grende
GIOVANNA GIACOMAZZI
Gaetano Saglimbeni
GOOGLE NEWS
GOOGLE
GODADO
GOVERNO ITALIANO
Gino
HURRICANE
il veliero
IO ESISTO
ITALIA SVEGLIATI
ITALIANS
IRANIANI
ITALIANI LIBERI
IL VELINO
Ideazione blog
Il Principe
IRAN-VA-JAHAN
IRAQ LIBERO
IRAQI VOICES
IRAK-PROVISIONAL -AUTHORITY
IL GIULIVO
IRANIAN
Krillix
KUWAIT ERA L'INFERNO
LIBERTA' DI PENSIERO
LIBERALI
L'asse CATTOLICO-COMUNISTA -ISLAMICO E LA CANCELLAZIONE DELL'OCCIDENTE IN EUROPA
LISISTRATA
LIBERO
Libertà per il Popolo Cubano
La Radice
Lilit
Libertà per il Popolo Tibetano
L'ISLAM CONTRO L'ITALIA
LIBERALI PER ISRAELE
LE COSE DA DIRE
LISISTRATA
LA ZANZARA DISPETTOSA
Liberi-Insieme
LAGER
Mai dire Blog

MIOCUGGINO
MICHAEL YON
MESSINA FORTIFICATA
MEDEA
MUSEIONLINE
MOVIMENTIAMOCI
Maralai
Marci
MONTAGNARD
NET FOR CUBA
Nilus
NESSIE
NON SOLO PAROLE
ORSA MAGGIORE
ORPHEUS
OLOKAUSTOS
Oggi
Puravita
PIANETA GULAG
PIER LUIGI BAGLIONI
PERICLES
PENSIERO LIBERO
Per Non Dimenticare le Vittime del Terrorismo
PULSE-24
PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA
PAGINE BIANCHE
politically-scorrect
QUOTIDIANI INTERNAZIONALI
REPRESSIONE A CUBA
Respublica
SCLERETTA
STORIA
ShockAndAwe
Sorvegliato Speciale
SUPPORT OUR TROOPS
STOP FGM
SUSSIDIARIO
SENATO
SANTA SEDE
SHOCKANDAWE
SALVARE L'ITALIA PRIMA CHE SCOMPAIA
SOLIDARIETA' ALLE DONNE IRANIANE
TREDICI MAGGIO
TRADUTTORE
Tea
TRE TIGRI
Tania Rocha
UN ITALIANO A CUBA
Unione per le Libertà
Una voce che urla nel deserto
UNIONE EUROPEA
Unione per le Libertà a Cuba
VIRUS IL GIORNALE ON LINE
VIRGILIO
VOCI DELL'IRAQ LIBERO
Victims of Saddam's Regime
Web Cam Times Square di New York
WEB CAM MOSCA
Web Cam Muro del Pianto Gerusalemme
Web Cam Mare delle Antille
Web-The Statue of Liberty
WEBCAM -TORONTO
YAHOO
YONI
1972


TORONTO WEB CAM
FAITHFREEDOM

POLIZIA DI STATO
CARABINIERI
GUARDIA DI FINANZA
Earth Cam Ground Zero
Sindacato Autonomo Polizia

cerca
letto 3969086 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


8 settembre 2006

Il "gruppo folkloristico" dei suonatori dell'estrema sinistra che fa tremare il governo del neo compagno prof. Prodi

   

Il "gruppo folkloristico" dei suonatori dell'estrema sinistra
che fa tremare il governo del neo compagno prof. Prodi
Diliberto: "Irricevibili le proposte
del governo sulla Finanziaria: non
rientrano affatto nel programma"
Durissima la risposta del segretario dei
Comunisti italiani: "Noi siamo pronti
a rispettare e rispetteremo soltanto quello
 che abbiamo firmato in campagna
elettorale nel famoso libro delle 284 pagine".
E' un po' la risposta al professore
che, per far credere all'Europa che era lui e
soltanto lui a decidere in Italia, aveva
 definito i partiti di Rifondazione comunista
e dei Comunisti italiani nient'altro
che "folklore". "Siamo stati noi a far vincere
Prodi il 9 e 10 aprile",  puntualizzano a
muso duro Bertinotti, Diliberto, Rizzo e Giordano,
"e siamo noi, con i nostri voti,
che lo teniamo su quella poltrona. Non dovrebbe
 dimenticarlo, il professore".

di Gaetano Saglimbeni
         
             Il segretario del Partito dei comunisti italiani, Oliviero Diliberto, si rifiuta persino di discutere le proposte sulla elevazione della età pensionabile che il governo del neo compagno vorrebbe inserire nella Finanziaria. "Noi siamo pronti a rispettare e rispetteremo soltanto quello che abbiamo firmato in campagna elettorale nel famoso libro delle 284 pagine, e le nuove norme che si vorrebbero introdurre sulle pensioni non sono affatto nel programma sottoscritto".
           Proposte "irricevibili", dunque, sia dal Diliberto dei Comunisti italiani che dal suo collega Franco Giordano, che alla segreteria di Rifondazione comunista ha sostituito il Bertinotti eletto presidente della Camera, ed è già guerra tra il premier ed i partiti della estrema sinistra. Una risposta, dicono autorevoli osservatori politici, al professore che, per far credere all'Europa che era lui e soltanto lui a decidere in Italia, aveva definito i partiti di Rifondazione comunista e dei Comunisti italiani nient'altro che "folklore".
           "Siamo stati noi a far vincere Prodi il 9 e 10 aprile", puntualizzano a muso duro Bertinotti e Giordano, Diliberto e il suo vice Rizzo, "e siamo noi, con i nostri voti, che lo teniamo su quella poltrona". Una risposta che (non ci vuol molto a capirlo)  sa di "avvertimento": nessuno ha dimenticato, e non l'ha dimenticato soprattutto Prodi,  che fu Bertinotti nell'ottobre del 1998 a licenziare in tronco il professore da presidente del Consiglio. Ed il pericolo che quell'increscioso episodio possa ripetersi, quindi, non può certo essere sottovalutato dal presidente del Consiglio.

 
          Comprensibile, la preoccupazione degli uomini di governo: se salta Prodi, è chiaro, si  dovrà ritornare subito alle urne, non essendo possibile prendere ancora una volta per i fondelli gli italiani con la sostituzione del professore con un D'Alema (come otto anni fa) o con altri. Ed i sondaggi, a cinque mesi dalle elezioni di aprile che hanno dato la vittoria alle sinistre (con 220 mila voti in meno al Senato rispetto al centrodestra ed appena 24 mila contestatissimi voti in più alla Camera che hanno consentito loro di ottenere 63 deputati in più con il premio di maggioranza), sono questa volta decisamente in favore di Berlusconi e della Casa delle libertà. Per Prodi e compagni, insomma, c'è il pericolo di una clamorosa bocciatura da parte degli elettori. 
           Sono molti a pensare (anche all'interno della Unione delle sinistre) che a tenere sui carboni accesi la maggioranza di governo non siano state e non siano soltanto le diverse valutazioni del premier sulla funzione "folkloristica" dei partiti dell'estrema sinistra o la mancata accettazione da parte loro delle proposte del governo sulla Finanziaria. "I nodi da sciogliere nella coalizione sono tanti e non possono non venire al pettine", dicono i leader della Casa delle libertà. Nel libro-programma delle famosissime 284 pagine c’è tutto ed il contrario di tutto e, ricordano anche i politologi con il cuore che batte a sinistra, è pressoché impossibile mettere tutti d’accordo sulla esatta interpretazione di quel che si voleva allora e si vuole o si può adesso realizzare”. Basta rilevare che non una sola delle misure da adottare per la ripresa economica proposte in questi giorni dal ministro Tommaso Padoa Schioppa (un tecnico che dovrebbe rappresentare “la serietà al governo” voluta da Prodi) ha incontrato il favore dei partiti della estrema sinistra, dei verdi, dei no-global, dei disubbidienti, dei centri sociali. E sono questi partiti, partitini, gruppi e gruppuscoli, come hanno tenuto a ricordare Bertinotti e Giordano, Diliberto e Rizzo, a tenere in piedi il governo. 
            Tra i partiti dell'estrema sinistra (piuttosto diffidenti anche nei confronti dei Ds di Fassino e D'Alema che ritengono un po' troppo in sintonia con Prodi), c'è chi ha lanciato una sorta di referendum tra gli iscritti, sulla ipotesi che a lasciare per primo il governo sia il ministro per l’Economia Padoa Schioppa, il premier Romano Prodi o tutti e due insieme: per loro decisione o per il “diktat” di qualcuno degli alleati. Di certo possiamo dire che a decidere i temi ed i numeri della Finanziaria saranno i partiti definiti "folkloristici" dall'incauto Prodi, non i moderati Rutelli e Mastella e nemmeno il post comunista Fassino. 

           La realtà è questa, piaccia o non piaccia a Prodi ed ai suoi amici. La conoscono bene gli italiani seri, quelli che non hanno mai amato e non amano portare i prosciutti davanti agli occhi; e adesso hanno dimostrato di conoscerla benissimo anche molti dei politici, giornalisti, padroni di giornali e industriali d'alto bordo che, in campagna elettorale, avevano un po’ troppo frettolosamente e irresponsabilmente sponsorizzato la pittoresca, rissosa e tumultuosa "armata Brancaleone" messa su da Prodi e compagni per la dissennata e grottesca crociata anti-berlusconiana. 
        
          In appena cinque mesi, questi signori hanno potuto rendersi conto del grosso errore compiuto e dei gravissimi pericoli che hanno rischiato e rischiano di far correre (purtroppo) alla democrazia italiana, non soltanto alla sua economia, che i partiti dell'estrema sinistra, i no-global, i centri sociali ed una parte piuttosto consistente dei cosiddetti ex o post comunisti vorrebbero "pianificare" in Italia secondo i valori, i canoni e le follie dell'egualitarismo proletario che portò al disastro (economico, prima che ideologico e politico) il comunismo sovietico. Adesso anche il Montezemolo presidente della Fiat e della Confindustria tuona contro i "pianificatori" dell'estrema sinistra; e gli industriali fischiano nei convegni, sfidando anche le prevedibili rappresaglie sindacali, il segretario della super-politicizzata Cgil, Guglielmo Epifani. Tra le tante brutte notizia di questi giorni. mi pare che questa sia una delle poche buone. Non siete d'accordo, amici lettori?
 
                                                                    Gaetano Saglimbeni
 www.gaetanosaglimbenitaormina.it




permalink | inviato da il 8/9/2006 alle 8:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

sfoglia     agosto        ottobre


 

                                         
 



Non andare in giro dicendo
che il mondo ti deve dare da vivere.
Il mondo non ti deve dare nulla :
era lì prima che tu arrivassi.

 

 

ControCorrente

Movimento d'opinione
che si propone di premiare
dare fiducia a persone
e politici che siano
garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore.
Sono garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore:
 
 
Vota:Berlusconi,Angelilli

 
    
 

     

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Fiamma Nierenstein
 
 

No alla Ue




ORIANA FALLACI



Tribute to Reagan


 

 
 
I comunisti amano
così tanto
i poveri da volerne
creare  altri

Noi cattolici diciamo  
si alla base americana
di  Vicenza

 






 

Vendere la RAI
con tutti i suoi parassiti.

Eliminare l'ente Provincia
che ha poche ragioni per
giustificare la sua esistenza
 e molte per suggerire
 lo scioglimento.


(IM)MORALISTI


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

        G.M.

 

Antonio Di Pietro salvò
i comunisti da tangentopoli.


 

 

Le bugie di Veltroni

 

 Le bugie di Prodi



 



 


    

 

 

 

 


 

 

 

 

 

Veronica

 

 

 




 



Immigrati




 

Il comunismo è una
giusta distribuzione
della miseria.


 




L'assemblea parlamentare del
 Consiglio d'Europa
ha approvato il 25 gennaio 2006,
con 99 voti a favore e 42 contrari,
una risoluzione presentata dal deputato
svedese Goran Lindblad a
nome del PPE, che condanna
 i "crimini del comunismo" equiparando
il comunismo stesso al nazismo.
Anzi, considerando che nel rapporto
che accompagnava la proposta
di risoluzione, intitolata "Necessità di
una condanna internazionale dei
crimini del comunismo", si accredita
la cifra di quasi cento milioni di morti
 causati direttamente o
indirettamente dal comunismo,
quest'ultimo risulterebbe addirittura,
almeno come numero di vittime,
 di gran lunga peggiore del nazismo. 
 
 
METTERE FUORI LEGGE
I PARTITI COMUNISTI IN ITALIA,
come sono stati messi fuori legge
il partito fascista in Italia e
il partito nazional socialista in Germania.



 





Se li abbandonate i
bastardi siete voi


islam fuorilegge vìola
 i fondamentali diritti
degli uomini e delle donne.






islam in azione


 

Loading...      (GIF file  396KB)



 
 

 


 

 

VIDEO DONNA FRUSTATA IN SUDAN -

 

 










 


La resistenza non è mai esistita,
è solo frutto della propaganda
dei comunisti.
Indro Montanelli.

 



 
 
 
 
Gadgets powered by Google