.
Annunci online

  Controcorrente [ " Se pur circondato non è ancora preso" ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


http://www.sat24.com/eu
Geert Wilders
ELISABETH SABADITSCH
Pro-Koeln
SIOE
Vlaams Belang
INTERNATIONAL FREE PRESS SOCETY
VIGILANT FREEDOM
CENTER FOR SECURITY POLICY
ACT ! FOR AMERICA
Wafa Sultan
http://www.englishdefenceleague.org/
Apostate of islam
Adriana Bolchini
Pietro Luigi Crasti
FORMER MUSLIMS UNITED
OSSERVATORIO DEL DIRITTO ITALIANO E INTERNAZIONALE
Fondazione Lepanto
ON.SOUAD SBAI
ON.FIAMMA NIRENSTEIN
ON.RICCARDO DE CORATO
ON.MARCO ZACCHERA
ControCorrente2
ControCorrente3
ControCorrente4
PressAgencyFreeLand
Movimiento Estudiantil Venezuela
Stop Ahmadinejad
FORT
Mefisto
Giornalaio
antibassolino
ArtisticaMente
Barbara di Salvo
Don Fortunato Di Noto
Edizioni Lindau: www.lindau.it
IL BERRETTO A SONAGLI
Tomari
Terror haza
Un posto nel mondo
KRITIKON
FOTOGRAMMA
ORSA MAGGIORE
Libera Cuba
Sarcastycon


CERCANO CASA
liberacuba
SANE
Non porgiamo l'altra guancia
300705
USCIRE DALL'ISLAM
A DESTRA
Against Terror
AURORA86
ANTIKOMUNISTA
australia
AUTOCERTIFICAZIONI
ANGELO ROSSI EMANUELE
America
Aqua
Autorità per le Garanzie.
ANTI-NO-GLOBAL
BBC-NEWS
BIETTI DAL 1870
BARLETTA LIBERALE
CONTROCORRENTE-2
CONTROCORRENTE-SATIRA
COSTITUZIONE ITALIANA E CORTE COSTITUZIONALE
COX & FORKUM
CAMERA DEI DEPUTATI
CALIMERO
CREONTE
Capperi
Censurarossa
Conservatori Italiani
CARLO MENEGANTE
Congressional Medal of Honor
DANIEL PIPES
DAW
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
DEMOCRAZIA LIBERALE
DONNA IRAKENA
ENCUENTRO
EDICOLA GLOBALE
EROE DI PACE
EBRAISMO
Esperimento
FORZE LIBANESI
FORATTINI
FOX-NEWS
FREE IRAN -NEWS
FOIBE
FREE THOUGHTS
Grende
GIOVANNA GIACOMAZZI
Gaetano Saglimbeni
GOOGLE NEWS
GOOGLE
GODADO
GOVERNO ITALIANO
Gino
HURRICANE
il veliero
IO ESISTO
ITALIA SVEGLIATI
ITALIANS
IRANIANI
ITALIANI LIBERI
IL VELINO
Ideazione blog
Il Principe
IRAN-VA-JAHAN
IRAQ LIBERO
IRAQI VOICES
IRAK-PROVISIONAL -AUTHORITY
IL GIULIVO
IRANIAN
Krillix
KUWAIT ERA L'INFERNO
LIBERTA' DI PENSIERO
LIBERALI
L'asse CATTOLICO-COMUNISTA -ISLAMICO E LA CANCELLAZIONE DELL'OCCIDENTE IN EUROPA
LISISTRATA
LIBERO
Libertà per il Popolo Cubano
La Radice
Lilit
Libertà per il Popolo Tibetano
L'ISLAM CONTRO L'ITALIA
LIBERALI PER ISRAELE
LE COSE DA DIRE
LISISTRATA
LA ZANZARA DISPETTOSA
Liberi-Insieme
LAGER
Mai dire Blog

MIOCUGGINO
MICHAEL YON
MESSINA FORTIFICATA
MEDEA
MUSEIONLINE
MOVIMENTIAMOCI
Maralai
Marci
MONTAGNARD
NET FOR CUBA
Nilus
NESSIE
NON SOLO PAROLE
ORSA MAGGIORE
ORPHEUS
OLOKAUSTOS
Oggi
Puravita
PIANETA GULAG
PIER LUIGI BAGLIONI
PERICLES
PENSIERO LIBERO
Per Non Dimenticare le Vittime del Terrorismo
PULSE-24
PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA
PAGINE BIANCHE
politically-scorrect
QUOTIDIANI INTERNAZIONALI
REPRESSIONE A CUBA
Respublica
SCLERETTA
STORIA
ShockAndAwe
Sorvegliato Speciale
SUPPORT OUR TROOPS
STOP FGM
SUSSIDIARIO
SENATO
SANTA SEDE
SHOCKANDAWE
SALVARE L'ITALIA PRIMA CHE SCOMPAIA
SOLIDARIETA' ALLE DONNE IRANIANE
TREDICI MAGGIO
TRADUTTORE
Tea
TRE TIGRI
Tania Rocha
UN ITALIANO A CUBA
Unione per le Libertà
Una voce che urla nel deserto
UNIONE EUROPEA
Unione per le Libertà a Cuba
VIRUS IL GIORNALE ON LINE
VIRGILIO
VOCI DELL'IRAQ LIBERO
Victims of Saddam's Regime
Web Cam Times Square di New York
WEB CAM MOSCA
Web Cam Muro del Pianto Gerusalemme
Web Cam Mare delle Antille
Web-The Statue of Liberty
WEBCAM -TORONTO
YAHOO
YONI
1972


TORONTO WEB CAM
FAITHFREEDOM

POLIZIA DI STATO
CARABINIERI
GUARDIA DI FINANZA
Earth Cam Ground Zero
Sindacato Autonomo Polizia

cerca
letto 3969082 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


31 agosto 2006

Ma allora era una balla che l’Italia di Berlusconi fosse allo sbando…

Prodi ed il ministro della Economia
 Padoa Schioppa dicono
che la Finanziaria sarà ridotta da 35 a 30
miliardi di euro
perché le entrate nel primo semestre del
2006 sono cresciute
Ma allora era una balla che l’Italia
di Berlusconi fosse allo sbando…
Se le entrate per il fisco sono aumentate in
 maniera così netta nei primi
sei mesi dell’anno, e cioè prima che si insediasse
il nuovo governo, è la conferma non soltanto
che i conti del ministro Tremonti erano in ordine,
ma anche che c’è stata una forte ripresa economica,
in grado di superare agevolmente la crisi
che aveva colpito tutti i Paesi
della Unione europea,nessuno escluso. 
“L’Italia ha corso in questi mesi
più della Germania”, ha scritto il Corriere della Sera
 (ma soltanto dopo le elezioni del 9 e 10 aprile)

di Gaetano Saglimbeni
           “L’industria riparte, l’Italia corre più della Germania”, il titolo a tutta pagina apparso sul Corriere della Sera a fine aprile, e cioè venti giorni dopo le elezioni politiche che hanno dato una risicatissima vittoria alle sinistre. E nell’articolo abbiamo letto: “L’economia italiana si mette a correre, e più del previsto. Nel primo trimestre del 2006 (e cioè prima delle elezioni, ndr.), il prodotto interno lordo è cresciuto dello 0,6 per cento rispetto al trimestre precedente e dell’1,5 su base annua. E’ il più alto dalla metà del 2001, prima che l’attacco terroristico dell’11 settembre mettesse in ginocchio tutta l’economia mondiale. Sui primi tre mesi l’Italia si allinea così alla media della zona euro,  superando la Germania (ferma allo 0,4) e l’Olanda (allo 0,2)”.
           Avevano suonato a morto per l’intera campagna elettorale, le campane della sinistra, sulla economia italiana. “Crescita zero”, lo slogan ad effetto per i comizi di piazza, gli interventi radio-televisivi, gli spot propagandistici. E ad elezioni archiviate abbiamo scoperto invece che i dati Eurostat, dall’inizio dell’anno, erano stati da record. “La crescita”, ha spiegato il Corriere dopo le elezioni citando i dati elaborati dall’Eurostat prima delle elezioni, “affiancata al piccolo boom della produzione industriale a marzo (più 6,8 su base annua), dovrebbe essere sufficiente per mettere in soffitta la teoria del declino che ha caratterizzato l’ultimo anno del governo Berlusconi”. Parole chiare che, se fossero state scritte sui giornali prima delle elezioni, avrebbero probabilmente tolto alle sinistre i 24 mila contestatissima voti che hanno consentito loro di vincere le elezioni con il premio di maggioranza alla Camera, pur avendo riportato al Senato 220 mila voti meno del centrodestra.
           E adesso (udite, udite, amici lettori), a confermare l’ottimo andamento della economia nel 2006, è addirittura il prof. Prodi, il quale dichiara ufficialmente che, grazie alle più che incoraggianti entrate registrate nel primo semestre, la Finanziaria allo studio del governo, prevista in un primo momento in 35 miliardi di euro, può scendere tranquillamente a 30 miliardi. Un “successone”, insomma, a suo dire, che non può non far gioire,con il presidente del Consiglio, tutti noi cittadini. Solo che il professore, abituato da sempre a spararle grosse raccontando balle, se ne assume il pieno merito. Ed a questo punto, se quadrano i conti, non quadrano certamente le date.
           Perché il governo delle sinistre, come tutti ricordiamo (e gli atti parlamentari sono lì a confermarlo), per effetto del cosiddetto “ingorgo” istituzionale che ha determinato il rinvio dell’incarico a Prodi a dopo la elezione del nuovo presidente della Repubblica, si è potuto insediare ufficialmente soltanto nella seconda decade di giugno (e non tutti i ministeri erano funzionanti, dato che si era operato uno smembramento piuttosto consistente, per una migliore spartizione delle poltrone tra partiti, gruppi e gruppuscoli della coalizione). E dunque, come fa il presidente del Consiglio a sostenere che la ripresa è merito del suo governo, se i dati ufficiali si riferiscono al primo semestre del 2006? Avrebbero compiuto il miracolo di raddrizzare in sole due settimane, il prof. Prodi ed i suoi “illuminati” ministri,  tutto quello che non andava col governo Berlusconi?
          Ricorderà benissimo, il leader delle sinistre Romano Prodi, che la conferma della ripresa era stata annunciata già a fine aprile, e cioè un mese e mezzo prima che  il nuovo governo si insediasse, dal governatore della Banca d’Italia Mario Draghi, intervenuto al G7 di Washington con l’ex ministro per l’Economia Giulio Tremonti. “Lasciamo al nuovo governo una industria in netta ripresa, con risultati addirittura da record”, ha assicurato in quella occasione Tremonti, ricordando che quella di marzo era stata la “crescita migliore degli ultimi sei anni”.
          Tutto bene, insomma, per l’Italia, anche se in campagna elettorale le campane della grancassa propagandistica delle sinistre avevano suonato a morto. E adesso?  Il governatore della Banca d’Italia non ha mutato le sue previsioni di cresciuta per il secondo semestre, anche se la crescita smisurata del prezzo del petrolio (in conseguenza dei fatti del Libano) ha creato nuove preoccupazioni. Solo che la nuova Finanziaria, per le tante (troppe) promesse fatte da Prodi in campagna elettorale ai cosiddetti “poteri forti” che hanno sponsorizzato la sua elezione (a cominciare dalla eliminazione in un solo anno di cinque punti del cuneo fiscale imposto agli industriali proprio dalle sinistre), si annuncia “lacrime e sangue” per tutti: soprattutto per chi vive del suo lavoro e dovrà provvedere adesso ad assicurare il “salario garantito” non soltanto a chi ha la sfortuna di non lavorare, ma anche a chi non ha alcuna intenzione di cercarselo, un lavoro, preferendo vivere alle spalle di chi lavora. Chiaro, il concetto?
           Sarà una delle grandi battaglie della sinistra e dell’estrema sinistra, quella del “salario garantito” per tutti: anche per gli immigrati clandestini, ovviamente. E’ già in atto, purtroppo, un pauroso e pericoloso ritorno al vecchio assistenzialismo di Stato. Che  paghiamo noi cittadini, ovviamente: soprattutto quelli appartenenti al cosiddetto  ceto medio, con le nostre tasse; ed anche (si teme) con qualche ritocco in negativo delle pensioni.
           Sono in quattro a preparare la grande “stangata d’autunno”: il presidente Prodi in persona, i ministri Padoa Schioppa (Economia) e Bersani (Sviluppo economico), il vice ministro Visco. Torneremo a pagare le tasse che Berlusconi ci aveva tolto (compresa quella per la successione) e ne pagheremo altre ancora. Aumenteranno Iva, Ici, Bot, Cct, imposte comunali, addizionali regionali, ticket per medicinali e ricoveri ospedalieri, biglietti aerei e ferroviari, e tutto il resto, a cominciare dai generi di prima necessità. E tutto questo, per far che cosa? Per consentire a Prodi di ridare alla grande industria i cospicui “aiuti di Stato” a fondo perduto che Berlusconi aveva saggiamente tolto giudicandoli “immorali e asso9lutamente improduttivi”, al ministro del Lavoro Cesare Damiano della Quercia di assicurare il “salario garantito” a tutti (compresi i fannulloni a vita che preferiscono vivere alle spalle di chi lavora) ed al ministro per la Solidarietà sociale Paolo Ferrero di Rifondazione comunista di poter versare 3 mila euro come “benvenuto” ad ogni immigrato clandestino che riesce a sbarcare sulle nostre coste? 
          “Le famiglie italiane, con gli stipendi e le pensioni dimezzate dall’euro, non riescono ad arrivare alla quarta settimana”, è stato per anni lo slogan elettoral-propagandistico di Prodi e Fassino, Rutelli e Bertinotti, Diliberto e Pecoraro Scanio. Adesso, con le sinistre al governo, c’è il pericolo che non arrivino alla terza settimana. Perché i benefici della ripresa, con l’assistenzialismo di Stato (che nei programmi di Bertinotti e compagni dovrebbe essere sempre più simile a quello della ex Unione sovietica) ed i “regali” alla grande industria sotto forma di incentivi allo sviluppo, si disperderanno in mille rivoli e andranno sempre meno, purtroppo, a chi lavora e produce. In una Italia che, nonostante la forte ripresa economica della quale anche Prodi mostra adesso di essersi accorto, rischia di diventare più povera, sempre più povera. E non soltanto per colpa dell’euro che ha già più che dimezzato salari, stipendi e pensioni.
                                                                  Gaetano Saglimbeni
www.gaetanosaglimbenitaormina.it




permalink | inviato da il 31/8/2006 alle 15:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     luglio        settembre


 

                                         
 



Non andare in giro dicendo
che il mondo ti deve dare da vivere.
Il mondo non ti deve dare nulla :
era lì prima che tu arrivassi.

 

 

ControCorrente

Movimento d'opinione
che si propone di premiare
dare fiducia a persone
e politici che siano
garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore.
Sono garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore:
 
 
Vota:Berlusconi,Angelilli

 
    
 

     

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Fiamma Nierenstein
 
 

No alla Ue




ORIANA FALLACI



Tribute to Reagan


 

 
 
I comunisti amano
così tanto
i poveri da volerne
creare  altri

Noi cattolici diciamo  
si alla base americana
di  Vicenza

 






 

Vendere la RAI
con tutti i suoi parassiti.

Eliminare l'ente Provincia
che ha poche ragioni per
giustificare la sua esistenza
 e molte per suggerire
 lo scioglimento.


(IM)MORALISTI


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

        G.M.

 

Antonio Di Pietro salvò
i comunisti da tangentopoli.


 

 

Le bugie di Veltroni

 

 Le bugie di Prodi



 



 


    

 

 

 

 


 

 

 

 

 

Veronica

 

 

 




 



Immigrati




 

Il comunismo è una
giusta distribuzione
della miseria.


 




L'assemblea parlamentare del
 Consiglio d'Europa
ha approvato il 25 gennaio 2006,
con 99 voti a favore e 42 contrari,
una risoluzione presentata dal deputato
svedese Goran Lindblad a
nome del PPE, che condanna
 i "crimini del comunismo" equiparando
il comunismo stesso al nazismo.
Anzi, considerando che nel rapporto
che accompagnava la proposta
di risoluzione, intitolata "Necessità di
una condanna internazionale dei
crimini del comunismo", si accredita
la cifra di quasi cento milioni di morti
 causati direttamente o
indirettamente dal comunismo,
quest'ultimo risulterebbe addirittura,
almeno come numero di vittime,
 di gran lunga peggiore del nazismo. 
 
 
METTERE FUORI LEGGE
I PARTITI COMUNISTI IN ITALIA,
come sono stati messi fuori legge
il partito fascista in Italia e
il partito nazional socialista in Germania.



 





Se li abbandonate i
bastardi siete voi


islam fuorilegge vìola
 i fondamentali diritti
degli uomini e delle donne.






islam in azione


 

Loading...      (GIF file  396KB)



 
 

 


 

 

VIDEO DONNA FRUSTATA IN SUDAN -

 

 










 


La resistenza non è mai esistita,
è solo frutto della propaganda
dei comunisti.
Indro Montanelli.

 



 
 
 
 
Gadgets powered by Google