.
Annunci online

  Controcorrente [ " Se pur circondato non è ancora preso" ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


http://www.sat24.com/eu
Geert Wilders
ELISABETH SABADITSCH
Pro-Koeln
SIOE
Vlaams Belang
INTERNATIONAL FREE PRESS SOCETY
VIGILANT FREEDOM
CENTER FOR SECURITY POLICY
ACT ! FOR AMERICA
Wafa Sultan
http://www.englishdefenceleague.org/
Apostate of islam
Adriana Bolchini
Pietro Luigi Crasti
FORMER MUSLIMS UNITED
OSSERVATORIO DEL DIRITTO ITALIANO E INTERNAZIONALE
Fondazione Lepanto
ON.SOUAD SBAI
ON.FIAMMA NIRENSTEIN
ON.RICCARDO DE CORATO
ON.MARCO ZACCHERA
ControCorrente2
ControCorrente3
ControCorrente4
PressAgencyFreeLand
Movimiento Estudiantil Venezuela
Stop Ahmadinejad
FORT
Mefisto
Giornalaio
antibassolino
ArtisticaMente
Barbara di Salvo
Don Fortunato Di Noto
Edizioni Lindau: www.lindau.it
IL BERRETTO A SONAGLI
Tomari
Terror haza
Un posto nel mondo
KRITIKON
FOTOGRAMMA
ORSA MAGGIORE
Libera Cuba
Sarcastycon


CERCANO CASA
liberacuba
SANE
Non porgiamo l'altra guancia
300705
USCIRE DALL'ISLAM
A DESTRA
Against Terror
AURORA86
ANTIKOMUNISTA
australia
AUTOCERTIFICAZIONI
ANGELO ROSSI EMANUELE
America
Aqua
Autorità per le Garanzie.
ANTI-NO-GLOBAL
BBC-NEWS
BIETTI DAL 1870
BARLETTA LIBERALE
CONTROCORRENTE-2
CONTROCORRENTE-SATIRA
COSTITUZIONE ITALIANA E CORTE COSTITUZIONALE
COX & FORKUM
CAMERA DEI DEPUTATI
CALIMERO
CREONTE
Capperi
Censurarossa
Conservatori Italiani
CARLO MENEGANTE
Congressional Medal of Honor
DANIEL PIPES
DAW
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
DEMOCRAZIA LIBERALE
DONNA IRAKENA
ENCUENTRO
EDICOLA GLOBALE
EROE DI PACE
EBRAISMO
Esperimento
FORZE LIBANESI
FORATTINI
FOX-NEWS
FREE IRAN -NEWS
FOIBE
FREE THOUGHTS
Grende
GIOVANNA GIACOMAZZI
Gaetano Saglimbeni
GOOGLE NEWS
GOOGLE
GODADO
GOVERNO ITALIANO
Gino
HURRICANE
il veliero
IO ESISTO
ITALIA SVEGLIATI
ITALIANS
IRANIANI
ITALIANI LIBERI
IL VELINO
Ideazione blog
Il Principe
IRAN-VA-JAHAN
IRAQ LIBERO
IRAQI VOICES
IRAK-PROVISIONAL -AUTHORITY
IL GIULIVO
IRANIAN
Krillix
KUWAIT ERA L'INFERNO
LIBERTA' DI PENSIERO
LIBERALI
L'asse CATTOLICO-COMUNISTA -ISLAMICO E LA CANCELLAZIONE DELL'OCCIDENTE IN EUROPA
LISISTRATA
LIBERO
Libertà per il Popolo Cubano
La Radice
Lilit
Libertà per il Popolo Tibetano
L'ISLAM CONTRO L'ITALIA
LIBERALI PER ISRAELE
LE COSE DA DIRE
LISISTRATA
LA ZANZARA DISPETTOSA
Liberi-Insieme
LAGER
Mai dire Blog

MIOCUGGINO
MICHAEL YON
MESSINA FORTIFICATA
MEDEA
MUSEIONLINE
MOVIMENTIAMOCI
Maralai
Marci
MONTAGNARD
NET FOR CUBA
Nilus
NESSIE
NON SOLO PAROLE
ORSA MAGGIORE
ORPHEUS
OLOKAUSTOS
Oggi
Puravita
PIANETA GULAG
PIER LUIGI BAGLIONI
PERICLES
PENSIERO LIBERO
Per Non Dimenticare le Vittime del Terrorismo
PULSE-24
PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA
PAGINE BIANCHE
politically-scorrect
QUOTIDIANI INTERNAZIONALI
REPRESSIONE A CUBA
Respublica
SCLERETTA
STORIA
ShockAndAwe
Sorvegliato Speciale
SUPPORT OUR TROOPS
STOP FGM
SUSSIDIARIO
SENATO
SANTA SEDE
SHOCKANDAWE
SALVARE L'ITALIA PRIMA CHE SCOMPAIA
SOLIDARIETA' ALLE DONNE IRANIANE
TREDICI MAGGIO
TRADUTTORE
Tea
TRE TIGRI
Tania Rocha
UN ITALIANO A CUBA
Unione per le Libertà
Una voce che urla nel deserto
UNIONE EUROPEA
Unione per le Libertà a Cuba
VIRUS IL GIORNALE ON LINE
VIRGILIO
VOCI DELL'IRAQ LIBERO
Victims of Saddam's Regime
Web Cam Times Square di New York
WEB CAM MOSCA
Web Cam Muro del Pianto Gerusalemme
Web Cam Mare delle Antille
Web-The Statue of Liberty
WEBCAM -TORONTO
YAHOO
YONI
1972


TORONTO WEB CAM
FAITHFREEDOM

POLIZIA DI STATO
CARABINIERI
GUARDIA DI FINANZA
Earth Cam Ground Zero
Sindacato Autonomo Polizia

cerca
letto 3969119 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


24 aprile 2006

Il buonsenso degli Italiani e l'insipienza dei politici

Il buonsenso degli Italiani
e l'insipienza dei politici

di Ida Magli

So che è mio dovere commentare in qualche modo l’esito della consultazione elettorale, ma confesso che lo faccio con grande fatica, sapendo che non ci sono ormai che pochissime speranze perché l’Italia abbia ancora un futuro come “Italia”. Quello che mi addolora di più, poi, è avere avuto la prova del buonsenso degli Italiani, della loro volontà di agire anche in extremis per questa salvezza malgrado l’insipienza, gli errori, gli interessi di parte con i quali si sono comportati i politici.
Sto parlando naturalmente dei politici di centro destra: di quelli di sinistra non c’è da dire nulla di diverso dal solito. La sicurezza “messianica” che sottende al marxismo non fa cambiare mai il loro comportamento, come si è potuto vedere anche quando sono stati costretti a passare dal trionfo ventilato attraverso i sondaggi già da alcuni mesi e da quello al di sopra di qualsiasi aspettativa emerso dagli exit poll, all’incerto predominio di pochissimi voti nei conteggi finali. La loro sicurezza messianica, appunto, è rimasta identica: “soltanto dalla sinistra può giungere all’Italia la salvezza”.
  Facciamo quindi una prima considerazione proprio sulle clamorose distanze fra previsioni e realtà. Già da molti mesi si davano per certe due cose. La prima: che molti non sarebbero andati a votare e che ovviamente questi molti fossero gli eventuali simpatizzanti per il centro destra. La seconda: che le sinistre avrebbero vinto con molti punti di distacco. Come si è visto ambedue queste previsioni erano sbagliate. Scartiamo subito l’idea che le Agenzie incaricate dei sondaggi abbiano compiuto degli errori così madornali. I sistemi di previsione statistica, per quanto suscettibili di un certo grado di imprecisione, sono ormai abbastanza raffinati da poter tenere presenti i vari fattori che influiscono sull’attendibilità dei risultati e non è quindi assolutamente credibile che siano incorse in infortuni così gravi. I motivi veri sono da ricercare non nella maggiore o minore abilità dei sondaggisti, ma nella situazione psicologica, culturale e politica nella quale si trovano gli Italiani. Gli Italiani non sono più liberi di esprimere le loro opinioni, non si fidano più della garanzia dell’anonimato nelle interviste, non riescono più a rivelare con serenità i propri sentimenti e il proprio pensiero in determinati campi in quanto diventati oggetto di tabuizzazione, di censura mentale, molto al di là ormai di una eventuale penalità giuridica. E’ questo il motivo per il quale lo strumento del sondaggio, così come quello degli exit poll - strumenti nati in e per società libere, democratiche, civili - non danno risultati in una società nella quale esiste il reato d’opinione a tutti i livelli: nell’intenzione, nella parola, nello scritto. Un reato passibile di condanne penali come quello previsto dal mandato d’arresto europeo, per giudizi espressi sulle religioni, sulle identità etniche e razziali, sui comportamenti sessuali. Non è necessario che si sia al corrente con precisione dell’esistenza di normative di legge su questi reati. Non è necessario proprio perché la situazione è molto più grave: è l’atmosfera culturale e psicologica che fa nascere il tabù, non la legge. In Italia questa atmosfera è diventata sempre più pesante e ha indotto gli Italiani alla prudenza. Una prudenza che non è vigliaccheria, ma soltanto doloroso buon senso.
  Quali possono essere stati, dunque, gli argomenti sui quali i sondaggisti hanno sbagliato le loro previsioni? Ne cito soltanto due (anche se ce ne sarebbero molti altri): la simpatia o meno per gli immigrati; la simpatia o meno per gli omosessuali. Naturalmente i sondaggisti qualche errore comunque lo hanno fatto perché, se avessero previsto di poter essere volutamente ingannati dagli intervistati, avrebbero potuto predisporre i questionari in modo da rivelare qualche contraddizione; tanto più questa precisazione vale per gli exit poll. Però questa è una pesante prova di quanto dicevo all’inizio. L’Italia non è libera; ma coloro che la guidano non se ne sono accorti.
  Naturalmente ci sarebbe molto da dire sugli errori compiuti soprattutto da Berlusconi. Prima di tutto il federalismo concesso per favorire la Lega e che ha tolto molti voti al centro destra senza toglierne neanche uno alla sinistra. Alla sinistra il federalismo piace perché non ama la Patria, non ama la Nazione, non ama l’Italia, e siccome se lo era già fatto per conto suo, quello stabilito dalla Lega non le ha tolto neanche un voto. Ne ha tolti molti invece al centro destra perché l’amore per l’Italia è quasi il suo unico collante rimasto, come è dimostrato anche dal fatto che la Lega non è cresciuta: gli innamorati di Bossi rimangono innamorati di Bossi e basta. L’autonomia scolastica, la polizia locale, invece, lacerano l’unità dello Stato e sono rifiutate da chi ama l’Italia.
  Anche sul piano cattolico Berlusconi, forse perché non lo capisce, non ha fatto quello che avrebbe potuto e dovuto fare. Affiancare semplicemente la Chiesa ufficiale, il Papato non serve a Forza Italia come Partito di innovazione perché quello lo fanno in modo pedissequo da sempre i Partiti che si dichiarano cattolici e che, infatti, hanno avuto un certo incremento di voti. Berlusconi avrebbe dovuto rivolgersi ai tanti che temono l’avventura del dialogo con l’Islamismo perseguito dai Papi e che vorrebbero invece opporcisi senza poterlo fare perché non sono “coperti” da nessun potere né politico né religioso. Parlo dei tanti sacerdoti, parroci o non parroci in gravissima crisi (non è la folla in piazza S. Pietro cui si esibisce una formula in 62 lingue che può salvare il Cristianesimo), gli Ordini religiosi privi di vocazioni, l’insofferenza per il blabla teologico lontano le mille miglia dalla inquieta coscienza contemporanea, dalla sua ansia e dalla sua solitudine. Cosa pensano che sia la fuga nella droga, per la quale è stata apprestata la più stupida delle leggi, se non il bisogno di combattere per qualche cosa per la quale valga la pena di combattere? E combattere significa per prima cosa “durezza” nel pensare, “durezza” delle idee sulle quali pensare e delle quali discutere. C’è bisogno di un Pascal con le sue lettere contro i Gesuiti, non di bambini che giocano con le palme. Ah! Come vorrei che si facessero delle discussioni, delle battaglie all’ultimo sangue, all’ultimo centimetro di piede come si fanno per la vittoria o la sconfitta in una partita di calcio, sugli argomenti tabù di questa povera Italia! Se Berlusconi pensa che queste battaglie non troverebbero ascoltatori si sbaglia. La classe media, quella alla quale lui crede di rivolgersi, è la classe che “pensa”, quella borghesia che è sempre esistita perché fatta dagli “intellettuali” anche quando non si chiamava “borghesia” e i suoi rappresentanti erano “schiavi” al servizio dei potenti. Al servizio dei potenti non significava, al tempo dei Romani così come non lo significava al tempo dei Medici o dei Visconti, che si inchinassero al loro potere o volere; al contrario. Era proprio perché non ci si inchinavano che erano utili e necessari.
  Per questo Marx li ha tanto odiati! Non perché non lavoravano con le mani, ma perché lavoravano le idee. La trascuratezza di Berlusconi verso il partito di Forza Italia è stata la più grave delle sue mancanze; e oggi ci appare tanto più grave perché sarebbe bastato poco, pochissimo, a fargli avere una grande vittoria.
  Sarebbe bastato, per esempio, organizzare un Sindacato, sui generis quanto si vuole, ma Sindacato. Ossia un organismo capace di raccogliere e di far sentire nelle piazze e nell’aria le aspirazioni, le forze, le idee della classe media, dando modo così di parlare anche a quella parte che è costretta a tacere, per esempio nelle scuole, a causa della maggioranza conformista di sinistra. Adesso è troppo tardi. Io non credo che per l’Italia ci siano ancora speranze di salvarsi dai futuri, assai prossimi conflitti. Conflitti interni con il mondo islamico, conflitti interni ed esterni a causa della politica degli Stati Uniti d’America e di quella “Europea”, della quale durante la campagna elettorale nessuno ha parlato, ma che anch’essa esiste e si farà sentire. I tumulti di Francia ne sono l’avanguardia. Nelle piazze francesi in subbuglio, dove si mescolano tutti i ribelli alla finzione della “concordia” contrariamente a quelle italiane, non sventola neanche una sola bandiera dell’Europa.
  Per quanto tempo i politici italiani credono di poter continuare a conservare il silenzio? Di poter fingere che gli unici problemi siano quelli dello sviluppo dei mercati? L’Iran ha già risposto alla stupida prosopopea europea, donando alla Palestina i soldi negatigli dall’Europa. Questa è la realtà, cari Italiani. E se si tratta di soldi, state sicuri che il mondo islamico ne ha molti di più di noi. E oltre ai soldi ha il coraggio e la fede.
  Per oggi mi fermo qui. Vi chiedo di aver pazienza: presto decideremo insieme cosa fare del Partito degli Italiani.
Intanto mandate qualcuna delle vostre idee.




permalink | inviato da il 24/4/2006 alle 12:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

sfoglia     marzo        maggio


 

                                         
 



Non andare in giro dicendo
che il mondo ti deve dare da vivere.
Il mondo non ti deve dare nulla :
era lì prima che tu arrivassi.

 

 

ControCorrente

Movimento d'opinione
che si propone di premiare
dare fiducia a persone
e politici che siano
garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore.
Sono garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore:
 
 
Vota:Berlusconi,Angelilli

 
    
 

     

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Fiamma Nierenstein
 
 

No alla Ue




ORIANA FALLACI



Tribute to Reagan


 

 
 
I comunisti amano
così tanto
i poveri da volerne
creare  altri

Noi cattolici diciamo  
si alla base americana
di  Vicenza

 






 

Vendere la RAI
con tutti i suoi parassiti.

Eliminare l'ente Provincia
che ha poche ragioni per
giustificare la sua esistenza
 e molte per suggerire
 lo scioglimento.


(IM)MORALISTI


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

        G.M.

 

Antonio Di Pietro salvò
i comunisti da tangentopoli.


 

 

Le bugie di Veltroni

 

 Le bugie di Prodi



 



 


    

 

 

 

 


 

 

 

 

 

Veronica

 

 

 




 



Immigrati




 

Il comunismo è una
giusta distribuzione
della miseria.


 




L'assemblea parlamentare del
 Consiglio d'Europa
ha approvato il 25 gennaio 2006,
con 99 voti a favore e 42 contrari,
una risoluzione presentata dal deputato
svedese Goran Lindblad a
nome del PPE, che condanna
 i "crimini del comunismo" equiparando
il comunismo stesso al nazismo.
Anzi, considerando che nel rapporto
che accompagnava la proposta
di risoluzione, intitolata "Necessità di
una condanna internazionale dei
crimini del comunismo", si accredita
la cifra di quasi cento milioni di morti
 causati direttamente o
indirettamente dal comunismo,
quest'ultimo risulterebbe addirittura,
almeno come numero di vittime,
 di gran lunga peggiore del nazismo. 
 
 
METTERE FUORI LEGGE
I PARTITI COMUNISTI IN ITALIA,
come sono stati messi fuori legge
il partito fascista in Italia e
il partito nazional socialista in Germania.



 





Se li abbandonate i
bastardi siete voi


islam fuorilegge vìola
 i fondamentali diritti
degli uomini e delle donne.






islam in azione


 

Loading...      (GIF file  396KB)



 
 

 


 

 

VIDEO DONNA FRUSTATA IN SUDAN -

 

 










 


La resistenza non è mai esistita,
è solo frutto della propaganda
dei comunisti.
Indro Montanelli.

 



 
 
 
 
Gadgets powered by Google