.
Annunci online

  Controcorrente [ " Se pur circondato non è ancora preso" ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


http://www.sat24.com/eu
Geert Wilders
ELISABETH SABADITSCH
Pro-Koeln
SIOE
Vlaams Belang
INTERNATIONAL FREE PRESS SOCETY
VIGILANT FREEDOM
CENTER FOR SECURITY POLICY
ACT ! FOR AMERICA
Wafa Sultan
http://www.englishdefenceleague.org/
Apostate of islam
Adriana Bolchini
Pietro Luigi Crasti
FORMER MUSLIMS UNITED
OSSERVATORIO DEL DIRITTO ITALIANO E INTERNAZIONALE
Fondazione Lepanto
ON.SOUAD SBAI
ON.FIAMMA NIRENSTEIN
ON.RICCARDO DE CORATO
ON.MARCO ZACCHERA
ControCorrente2
ControCorrente3
ControCorrente4
PressAgencyFreeLand
Movimiento Estudiantil Venezuela
Stop Ahmadinejad
FORT
Mefisto
Giornalaio
antibassolino
ArtisticaMente
Barbara di Salvo
Don Fortunato Di Noto
Edizioni Lindau: www.lindau.it
IL BERRETTO A SONAGLI
Tomari
Terror haza
Un posto nel mondo
KRITIKON
FOTOGRAMMA
ORSA MAGGIORE
Libera Cuba
Sarcastycon


CERCANO CASA
liberacuba
SANE
Non porgiamo l'altra guancia
300705
USCIRE DALL'ISLAM
A DESTRA
Against Terror
AURORA86
ANTIKOMUNISTA
australia
AUTOCERTIFICAZIONI
ANGELO ROSSI EMANUELE
America
Aqua
Autorità per le Garanzie.
ANTI-NO-GLOBAL
BBC-NEWS
BIETTI DAL 1870
BARLETTA LIBERALE
CONTROCORRENTE-2
CONTROCORRENTE-SATIRA
COSTITUZIONE ITALIANA E CORTE COSTITUZIONALE
COX & FORKUM
CAMERA DEI DEPUTATI
CALIMERO
CREONTE
Capperi
Censurarossa
Conservatori Italiani
CARLO MENEGANTE
Congressional Medal of Honor
DANIEL PIPES
DAW
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
DEMOCRAZIA LIBERALE
DONNA IRAKENA
ENCUENTRO
EDICOLA GLOBALE
EROE DI PACE
EBRAISMO
Esperimento
FORZE LIBANESI
FORATTINI
FOX-NEWS
FREE IRAN -NEWS
FOIBE
FREE THOUGHTS
Grende
GIOVANNA GIACOMAZZI
Gaetano Saglimbeni
GOOGLE NEWS
GOOGLE
GODADO
GOVERNO ITALIANO
Gino
HURRICANE
il veliero
IO ESISTO
ITALIA SVEGLIATI
ITALIANS
IRANIANI
ITALIANI LIBERI
IL VELINO
Ideazione blog
Il Principe
IRAN-VA-JAHAN
IRAQ LIBERO
IRAQI VOICES
IRAK-PROVISIONAL -AUTHORITY
IL GIULIVO
IRANIAN
Krillix
KUWAIT ERA L'INFERNO
LIBERTA' DI PENSIERO
LIBERALI
L'asse CATTOLICO-COMUNISTA -ISLAMICO E LA CANCELLAZIONE DELL'OCCIDENTE IN EUROPA
LISISTRATA
LIBERO
Libertà per il Popolo Cubano
La Radice
Lilit
Libertà per il Popolo Tibetano
L'ISLAM CONTRO L'ITALIA
LIBERALI PER ISRAELE
LE COSE DA DIRE
LISISTRATA
LA ZANZARA DISPETTOSA
Liberi-Insieme
LAGER
Mai dire Blog

MIOCUGGINO
MICHAEL YON
MESSINA FORTIFICATA
MEDEA
MUSEIONLINE
MOVIMENTIAMOCI
Maralai
Marci
MONTAGNARD
NET FOR CUBA
Nilus
NESSIE
NON SOLO PAROLE
ORSA MAGGIORE
ORPHEUS
OLOKAUSTOS
Oggi
Puravita
PIANETA GULAG
PIER LUIGI BAGLIONI
PERICLES
PENSIERO LIBERO
Per Non Dimenticare le Vittime del Terrorismo
PULSE-24
PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA
PAGINE BIANCHE
politically-scorrect
QUOTIDIANI INTERNAZIONALI
REPRESSIONE A CUBA
Respublica
SCLERETTA
STORIA
ShockAndAwe
Sorvegliato Speciale
SUPPORT OUR TROOPS
STOP FGM
SUSSIDIARIO
SENATO
SANTA SEDE
SHOCKANDAWE
SALVARE L'ITALIA PRIMA CHE SCOMPAIA
SOLIDARIETA' ALLE DONNE IRANIANE
TREDICI MAGGIO
TRADUTTORE
Tea
TRE TIGRI
Tania Rocha
UN ITALIANO A CUBA
Unione per le Libertà
Una voce che urla nel deserto
UNIONE EUROPEA
Unione per le Libertà a Cuba
VIRUS IL GIORNALE ON LINE
VIRGILIO
VOCI DELL'IRAQ LIBERO
Victims of Saddam's Regime
Web Cam Times Square di New York
WEB CAM MOSCA
Web Cam Muro del Pianto Gerusalemme
Web Cam Mare delle Antille
Web-The Statue of Liberty
WEBCAM -TORONTO
YAHOO
YONI
1972


TORONTO WEB CAM
FAITHFREEDOM

POLIZIA DI STATO
CARABINIERI
GUARDIA DI FINANZA
Earth Cam Ground Zero
Sindacato Autonomo Polizia

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


21 marzo 2004

Oil for food


" Oil for food "



 


Oil for food: Annan nei guai e con lui don Chirac, alias "mano di pece" e Putin, zar di tutte le Russie


Da libero-di GLAUCO MAGGI -NEW YORK - Kofi Annan nella bufera. Pressato da tutte le parti ha finalmente promesso che manderà, "appena l'ipotesi sarà praticabile", il suo inviato Lakhdar Brahimi a Bagdad per studiare l'iter elettorale e il passaggio del potere dalla coalizione agli irakeni entro giugno. Ma nel suo Palazzo di Vetro, nelle prossime settimane, rischia di essere travolto dai risultati della commissione di inchiesta che, obtorto collo, ha dovuto alla fine insediare per far luce sullo scandalo delle mazzette che hanno oliato il Programma umanitario "Oil for Food". In aprile, inoltre, ci sarà l'attesa audizione della Commissione parlamentare per la Relazioni Internazionali del Congresso di Washington, sulla mancanza di trasparenza che ha contrassegnato la gestione di Annan. Già nel 2001 il Times di Londra li aveva definiti una "totale anarchia" e "flagrantemente irrispettosi delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza".


 


E ora molte inchieste giornalistiche hanno rincarato la dose, grazie alle carte uscite dagli archivi di Saddam e ai nomi resi noti, dai membri del Governo Provvisorio, di chi ha intrattenuto i rapporti "coperti" con il regime. Il direttore stesso del programma, Benon Sevan, braccio destro di Annan, è tra coloro che hanno avuto un tornaconto diretto grazie ad una fornitura di greg- gio. Lui ha smentito, ma intanto è in ferie in attesa di andare in pensione fra un mese. Anche il figlio di Annan, Kojo, è stato tirato in ballo dall'inchiesta di Therese Raphael del Wall Street Journal: per anni ha lavorato per la società svizzera Cotecna, che aveva il delicatissimo compito di ispezionare i beni destinati all'Iraq. Se fosse "solo" petroliopoli, sarebbe uno dei tanti scandali per corruzione economica.


 


Ma l'intreccio delle mazzette di Saddam e dei rapporti privilegiati con società di stato e governanti di Paesi esteri, alcuni membri del Consiglio di Sicurezza come la Francia e la Russia, gettano una luce cupa sulla Segreteria Generale dell'Onu e spiegano l'ostilità all'intervento Usa a Bagdad, ridicolizzando una volta per tutte la tesi della guerra per il petrolio di Bush. La realtà era di una "pace" per il business sporco sul petrolio, ma di Chirac e Putin. Ciò che rischia di finire a pezzi è la credibilità politica dell'Onu, proprio adesso che il ruolo di un ente sovrannazionale serio è l'auspicio di tutti, Iraq per pr imo. Cento miliardi di dollari sono stati il bilancio finale dell'iniziativa con la quale la comunità internazionale ha cercato di alleviare le sofferenze della popolazione irakena durante l'embargo economico votato dal Consiglio di Sicurezza contro il regime di Saddam.


 


Dieci miliardi, cioè la classica cresta del 10% per ogni transazione corrotta che si rispetti, si è scoperto ora che sono finiti nelle tasche dello stesso dittatore: lo ha riferito al Congresso Usa l'Ufficio del Bilancio, che ha arricchito una precedente stima di 5,7 miliardi di mazzette ottenute dal regime dagli acquirenti di petrolio irakeno, con 4,4 miliardi intascati dai fornitori internazionali di cibarie e medicine. Tra chi ha intrattenuto rapporti commerciali con Saddam tra il 1997 e il 2002 una buona parte se li è conquistati, insomma, o pagandogli il petrolio a un prezzo segretamente maggiorato, o vendendogli farina, latte o sciroppi con uno "sconto" che finiva sui conti esteri del rais o della cerchia di familiari e accoliti. Il viceministro del Tesoro Usa Juan Zarate ha spiegato che Hussein caricava dal 10% al 35% per ogni barile venduto, e che per ogni vendita di 100 dollari di beni umanitari il fornitore denunciava all'Onu un esborso di 110. La maggior parte dei profitti illeciti venivano incassati dalle ambasciate irakene, che provvedevano a disseminarli in depositi bancari. In alcuni casi, secondo Zarate, "i soldi venivano reinvestiti in acquisti di armi o altri beni sotto embargo". La caccia ai conti segreti ha portato finora alla individuazione e al congelamento di 2 miliardi di dollari, di cui 750mila sono stati già trasferiti sul Fondo per l'Iraq.


 


Da libero di sabato 20 marzo 2004





permalink | inviato da il 21/3/2004 alle 11:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

sfoglia     febbraio        aprile


 

                                         
 



Non andare in giro dicendo
che il mondo ti deve dare da vivere.
Il mondo non ti deve dare nulla :
era lì prima che tu arrivassi.

 

 

ControCorrente

Movimento d'opinione
che si propone di premiare
dare fiducia a persone
e politici che siano
garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore.
Sono garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore:
 
 
Vota:Berlusconi,Angelilli

 
    
 

     

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Fiamma Nierenstein
 
 

No alla Ue




ORIANA FALLACI



Tribute to Reagan


 

 
 
I comunisti amano
così tanto
i poveri da volerne
creare  altri

Noi cattolici diciamo  
si alla base americana
di  Vicenza

 






 

Vendere la RAI
con tutti i suoi parassiti.

Eliminare l'ente Provincia
che ha poche ragioni per
giustificare la sua esistenza
 e molte per suggerire
 lo scioglimento.


(IM)MORALISTI


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

        G.M.

 

Antonio Di Pietro salvò
i comunisti da tangentopoli.


 

 

Le bugie di Veltroni

 

 Le bugie di Prodi



 



 


    

 

 

 

 


 

 

 

 

 

Veronica

 

 

 




 



Immigrati




 

Il comunismo è una
giusta distribuzione
della miseria.


 




L'assemblea parlamentare del
 Consiglio d'Europa
ha approvato il 25 gennaio 2006,
con 99 voti a favore e 42 contrari,
una risoluzione presentata dal deputato
svedese Goran Lindblad a
nome del PPE, che condanna
 i "crimini del comunismo" equiparando
il comunismo stesso al nazismo.
Anzi, considerando che nel rapporto
che accompagnava la proposta
di risoluzione, intitolata "Necessità di
una condanna internazionale dei
crimini del comunismo", si accredita
la cifra di quasi cento milioni di morti
 causati direttamente o
indirettamente dal comunismo,
quest'ultimo risulterebbe addirittura,
almeno come numero di vittime,
 di gran lunga peggiore del nazismo. 
 
 
METTERE FUORI LEGGE
I PARTITI COMUNISTI IN ITALIA,
come sono stati messi fuori legge
il partito fascista in Italia e
il partito nazional socialista in Germania.



 





Se li abbandonate i
bastardi siete voi


islam fuorilegge vìola
 i fondamentali diritti
degli uomini e delle donne.






islam in azione


 

Loading...      (GIF file  396KB)



 
 

 


 

 

VIDEO DONNA FRUSTATA IN SUDAN -

 

 










 


La resistenza non è mai esistita,
è solo frutto della propaganda
dei comunisti.
Indro Montanelli.

 



 
 
 
 
Gadgets powered by Google