.
Annunci online

  Controcorrente [ " Se pur circondato non è ancora preso" ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


http://www.sat24.com/eu
Geert Wilders
ELISABETH SABADITSCH
Pro-Koeln
SIOE
Vlaams Belang
INTERNATIONAL FREE PRESS SOCETY
VIGILANT FREEDOM
CENTER FOR SECURITY POLICY
ACT ! FOR AMERICA
Wafa Sultan
http://www.englishdefenceleague.org/
Apostate of islam
Adriana Bolchini
Pietro Luigi Crasti
FORMER MUSLIMS UNITED
OSSERVATORIO DEL DIRITTO ITALIANO E INTERNAZIONALE
Fondazione Lepanto
ON.SOUAD SBAI
ON.FIAMMA NIRENSTEIN
ON.RICCARDO DE CORATO
ON.MARCO ZACCHERA
ControCorrente2
ControCorrente3
ControCorrente4
PressAgencyFreeLand
Movimiento Estudiantil Venezuela
Stop Ahmadinejad
FORT
Mefisto
Giornalaio
antibassolino
ArtisticaMente
Barbara di Salvo
Don Fortunato Di Noto
Edizioni Lindau: www.lindau.it
IL BERRETTO A SONAGLI
Tomari
Terror haza
Un posto nel mondo
KRITIKON
FOTOGRAMMA
ORSA MAGGIORE
Libera Cuba
Sarcastycon


CERCANO CASA
liberacuba
SANE
Non porgiamo l'altra guancia
300705
USCIRE DALL'ISLAM
A DESTRA
Against Terror
AURORA86
ANTIKOMUNISTA
australia
AUTOCERTIFICAZIONI
ANGELO ROSSI EMANUELE
America
Aqua
Autorità per le Garanzie.
ANTI-NO-GLOBAL
BBC-NEWS
BIETTI DAL 1870
BARLETTA LIBERALE
CONTROCORRENTE-2
CONTROCORRENTE-SATIRA
COSTITUZIONE ITALIANA E CORTE COSTITUZIONALE
COX & FORKUM
CAMERA DEI DEPUTATI
CALIMERO
CREONTE
Capperi
Censurarossa
Conservatori Italiani
CARLO MENEGANTE
Congressional Medal of Honor
DANIEL PIPES
DAW
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
D-DAY-NORMANDY
DEMOCRAZIA LIBERALE
DONNA IRAKENA
ENCUENTRO
EDICOLA GLOBALE
EROE DI PACE
EBRAISMO
Esperimento
FORZE LIBANESI
FORATTINI
FOX-NEWS
FREE IRAN -NEWS
FOIBE
FREE THOUGHTS
Grende
GIOVANNA GIACOMAZZI
Gaetano Saglimbeni
GOOGLE NEWS
GOOGLE
GODADO
GOVERNO ITALIANO
Gino
HURRICANE
il veliero
IO ESISTO
ITALIA SVEGLIATI
ITALIANS
IRANIANI
ITALIANI LIBERI
IL VELINO
Ideazione blog
Il Principe
IRAN-VA-JAHAN
IRAQ LIBERO
IRAQI VOICES
IRAK-PROVISIONAL -AUTHORITY
IL GIULIVO
IRANIAN
Krillix
KUWAIT ERA L'INFERNO
LIBERTA' DI PENSIERO
LIBERALI
L'asse CATTOLICO-COMUNISTA -ISLAMICO E LA CANCELLAZIONE DELL'OCCIDENTE IN EUROPA
LISISTRATA
LIBERO
Libertà per il Popolo Cubano
La Radice
Lilit
Libertà per il Popolo Tibetano
L'ISLAM CONTRO L'ITALIA
LIBERALI PER ISRAELE
LE COSE DA DIRE
LISISTRATA
LA ZANZARA DISPETTOSA
Liberi-Insieme
LAGER
Mai dire Blog

MIOCUGGINO
MICHAEL YON
MESSINA FORTIFICATA
MEDEA
MUSEIONLINE
MOVIMENTIAMOCI
Maralai
Marci
MONTAGNARD
NET FOR CUBA
Nilus
NESSIE
NON SOLO PAROLE
ORSA MAGGIORE
ORPHEUS
OLOKAUSTOS
Oggi
Puravita
PIANETA GULAG
PIER LUIGI BAGLIONI
PERICLES
PENSIERO LIBERO
Per Non Dimenticare le Vittime del Terrorismo
PULSE-24
PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA
PAGINE BIANCHE
politically-scorrect
QUOTIDIANI INTERNAZIONALI
REPRESSIONE A CUBA
Respublica
SCLERETTA
STORIA
ShockAndAwe
Sorvegliato Speciale
SUPPORT OUR TROOPS
STOP FGM
SUSSIDIARIO
SENATO
SANTA SEDE
SHOCKANDAWE
SALVARE L'ITALIA PRIMA CHE SCOMPAIA
SOLIDARIETA' ALLE DONNE IRANIANE
TREDICI MAGGIO
TRADUTTORE
Tea
TRE TIGRI
Tania Rocha
UN ITALIANO A CUBA
Unione per le Libertà
Una voce che urla nel deserto
UNIONE EUROPEA
Unione per le Libertà a Cuba
VIRUS IL GIORNALE ON LINE
VIRGILIO
VOCI DELL'IRAQ LIBERO
Victims of Saddam's Regime
Web Cam Times Square di New York
WEB CAM MOSCA
Web Cam Muro del Pianto Gerusalemme
Web Cam Mare delle Antille
Web-The Statue of Liberty
WEBCAM -TORONTO
YAHOO
YONI
1972


TORONTO WEB CAM
FAITHFREEDOM

POLIZIA DI STATO
CARABINIERI
GUARDIA DI FINANZA
Earth Cam Ground Zero
Sindacato Autonomo Polizia

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


20 febbraio 2003

RADICALI: PRESENTATO IL 'MANIFESTO PRO GLOBAL'

 
RADICALI: PRESENTATO IL 'MANIFESTO PRO GLOBAL'
Proponiamo un "nuovo inizio di libertà, innanzitutto
 
Accusiamo l'Occidente non di avere liberalizzato e globalizzato, ma di averlo fatto troppo poco.
La globalizzazione, l'integrazione delle economie, la liberalizzazione del commercio internazionale hanno determinato una crescita dell'economia mondiale superiore a qualunque altra epoca della storia. E ad avvantaggiarsene di più sono stati proprio i paesi in via di sviluppo che hanno scelto di aprirsi a questa nuova opportunità. I paesi che commerciano di più e che ricevono più investimenti dall'estero sono quelli che riducono più la povertà, e che hanno maggiori risorse per l'ambiente e per i servizi sociali. Gli investimenti e il commercio determinano più agiatezza, e questo aiuta il formarsi delle classi medie, cioè il sostegno necessario dei sistemi democratici.
E' per questo che occorre liberalizzare di più; è per questo che una battaglia da lanciare in tutte le sedi è quella per la rinuncia, da parte dell'Occidente, e innanzitutto da parte dell'Unione Europea, a quel sistema di sussidi che, fino ad oggi, ha tutelato i nostri prodotti agricoli alzando un muro insuperabile per i paesi in via di sviluppo. Ogni bovino europeo, dalla Sicilia alla Finlandia, percepisce un dollaro al giorno di sussidi: più di quanto sia oggi a disposizione di tanta, troppa parte della popolazione mondiale. Non si può continuare così: indicando, con una mano, la vergogna della miseria e dell'oppressione di una così grande area del pianeta, e, tenendo ben stretti, con l'altra, i privilegi e le protezioni che determinano quella miseria e quell'oppressione.
Proponiamo un nuovo inizio di democrazia.
Quello che avevamo creduto il secolo più violento della storia dell'umanità, il secolo delle guerre mondiali e dei totalitarismi, ha passato il testimone ad un millennio che si è aperto con il dispiegarsi delle nuove tecnologie dell'orrore e della loro inedita e devastante potenza.
Dinanzi alle sfide che questo tempo ci impone, ad essere in causa è innanzitutto il modello relativamente recente dello Stato di diritto e della democrazia liberale. Lo si può ritenere non del tutto adeguato ed efficace rispetto alle nuove e terribili emergenze, e quindi, se non da superare, certo da integrare con correzioni autoritarie e burocratiche, poliziesche e militari: perciò, la rinuncia progressiva, a partire dall'Occidente, a quote di diritto e di libertà individuali, e, insieme, alle lentezze della democrazia, come prezzo da pagare a esigenze di ordine e di sicurezza altrimenti impossibili da soddisfare. E, in parallelo, la rinuncia alla lotta contro alcune dittature, il sacrificio della difesa delle maggioranze oppresse tanto quanto delle minoranze dissidenti, come costi necessari per la costruzione della nuova unità mondiale antiterrorismo.
Si può, al contrario, ritenere che proprio quel modello, quel vagito della storia, quella realtà così giovane e già così fragile in una parte del mondo, e assolutamente sconosciuta alla stragrande maggioranza degli abitanti del pianeta, debbano essere riproposti e rilanciati per tutti e per subito.
Questo è il nuovo inizio di democrazia di cui c'è bisogno.
Facendoci forti degli orrori vecchi e nuovissimi della storia umana, e insieme delle possibilità offerte dalle nuove tecnologie, dobbiamo tentare di imporre l'allargamento del perimetro della democrazia in ogni regione del pianeta.
Confermando e rafforzando la scelta di campo americana e occidentale, la milizia sul fronte che -certo, pur tra errori e inadeguatezze- ha disarmato e disarma gli aggressori, ha difeso e difende gli inermi.
Confermando e rafforzando, da Cuba alla Cina, il sostegno ai dissidenti, alle minoranze politiche, sessuali e religiose, a quanti pagano ancora il prezzo -il prezzo della libertà e della vita- a regimi sanguinari e feroci.
L'Occidente non deve più consentire che il suo denaro sia usato per far fiorire dittature e far appassire ogni speranza di libertà, per opprimere meglio e con più efficacia -con efficacia comunista, fascista, totalitaria- i diritti di milioni di donne e di uomini.
Se la politica non si misura con questo, l'11 settembre non rimarrà un episodio isolato, e le scelte dell'Occidente continueranno a portare in sé il seme del male che si vorrebbe estirpare, e che invece si continua a nutrire. E' l'ora del ricatto democratico: è l'ora di imporre che se un paese vuole usufruire di aiuti, o vedersi ridotto il debito, deve assicurare il pane della libertà e della democrazia: deve consentire ai suoi cittadini di leggere il Financial Times, di vedere la Cnn e di andare su cnn.com.
Deve consentire ai suoi cittadini di vivere nella libertà e nella democrazia. E' per questo che non possiamo essere rassicurati da Putin e da Jang Zemin: non si può accettare (lo diciamo, forti della nostra scelta di campo, innanzitutto agli amici americani) che un'alleanza tattica diventi strategia, e che a pagarne il costo siano centinaia di milioni di derelitti e di disperati, che resteranno senza volto e senza nome. Occorre invece che i dittatori di ogni segno e colore siano assicurati alla giustizia internazionale per essere sottoposti al giusto processo che meritano.
Proponiamo un nuovo inizio di laicità.
Ci opponiamo a che gli Stati si intromettano nelle scelte confessionali; insieme, ci opponiamo a che le Chiese si intromettano nelle scelte normative e legislative: la laicità degli Stati, la distinzione tra peccato e reato, tra norma morale e norma giuridica, rappresentano la miglior difesa possibile anche per la libertà religiosa.
In particolare, la Chiesa cattolica romana ha il pieno diritto di diffondere i suoi messaggi, la sua parola.
Difenderemo, e difenderemo fino in fondo, questo diritto.
Ma da un lato chiediamo ai responsabili politici di non consentire che le legittime convinzioni morali di alcuni si traducano in imposizione o in proibizione per tutti gli altri.
E dall'altro rivendichiamo il nostro diritto di laici, di liberali, di antifondamentalisti, a denunciare che il risultato concreto delle politiche proposte dalle gerarchie vaticane sarebbe quello di proibire terapie e di imporre sofferenze. Opporsi alla diffusione dei metodi contraccettivi significa consegnare continenti interi alla malattia e alla morte, più ancora di quanto accada già adesso. Opporsi alla libertà della ricerca scientifica significa togliere una speranza di vita e di guarigione a milioni di malati. Opporsi alla libera scelta dell'individuo in materia di eutanasia significa imporre una morte senza pietà e senza dignità.
Proponiamo un nuovo inizio aperto agli outsider. In Italia, le attuali rigidità del mercato del lavoro colpiscono proprio i più giovani. I ragazzi italiani, in Europa, sono fra quelli che sono più disoccupati, e che rischiano di rimanerlo più a lungo. E, quando entrano nel sistema, devono versare un terzo del proprio stipendio lordo in contributi, per pagare la pensione di anzianità a cinquantenni che nel frattempo continuano a lavorare in nero. I disoccupati di ieri, che saranno i non-pensionati di domani, devono pagare il pedaggio ad una generazione privilegiata, che ha troppo spesso deciso, votato e scioperato contro i propri figli, che non potevano né decidere, né votare, né scioperare.
Occorre scrivere uno statuto degli outsider, di quanti -giovani, piccoli e piccolissimi imprenditori, lavoratori del privato, disoccupati, sottoccupati, pensionati sociali e al minimo, immigrati- sono e restano fuori dal fortino delle garanzie e dei privilegi.
Occorre costruire, anche nell'accesso alle professioni, una società più aperta e meno corporativa: in America, il nero, il nero povero Colin Powell, è potuto divenire quel che è divenuto; in Italia, perfino per avere buone chances di divenire notai, bisogna essere figli di notai.
Occorre superare in ogni settore, dalla sanità alla scuola alla ricerca scientifica, le incrostazioni monopolistiche, e favorire quella competizione tra pubblico e privato che offre più scelte, più opportunità, più servizi per ciascun cittadino.
Questa Italia degli outsider, dei non garantiti, priva di tutele sindacali e corporative, è oggi senza volto e senza voce: silenziata, prima ancora che silenziosa. Ci proponiamo di restituirle parola e forza.
Proponiamo un nuovo inizio di nuovi diritti.
In troppi, in questi decenni, e troppe volte, hanno preteso di decidere in nome e per conto del singolo: Stato, Chiesa, famiglia, partito, sindacato. Sappiamo invece -dal divorzio all'aborto- che le conquiste più grandi, le conquiste di libertà che non hanno lasciato sconfitti sul campo, ma hanno rappresentato una vittoria per tutti, anche per chi le aveva avversate, sono state il frutto delle scelte individuali degli elettori, per lo più compiute per via referendaria, liberandosi di gioghi e giochi di Palazzo.
Occorre ripartire da qui: come sull'economia, così anche per i diritti civili, bisogna allargare la sfera delle decisioni individuali e private rispetto a quella delle scelte pubbliche e collettive. Con la direzione di marcia dell'antiproibizionismo e non della proibizione, della legalizzazione e non della legge della giungla.
Per legalizzare le droghe, e smettere di farsi rovinare la vita per una canna. Per sapere di più sulla contraccezione, sulla pillola del giorno dopo e sulla RU486, e amarsi con qualche angoscia in meno. Per legalizzare le coppie di fatto, dando uguale dignità ad ogni diverso amore. Per la libertà terapeutica e di ricerca scientifica, ridando una speranza a milioni di malati.
Per correre il rischio di essere tutti un po' più liberi e un po' più felici. (RRML)




permalink | inviato da il 20/2/2003 alle 12:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

sfoglia            marzo


 

                                         
 



Non andare in giro dicendo
che il mondo ti deve dare da vivere.
Il mondo non ti deve dare nulla :
era lì prima che tu arrivassi.

 

 

ControCorrente

Movimento d'opinione
che si propone di premiare
dare fiducia a persone
e politici che siano
garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore.
Sono garanzia di moralità,
capacità e rispetto del
popolo elettore:
 
 
Vota:Berlusconi,Angelilli

 
    
 

     

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Fiamma Nierenstein
 
 

No alla Ue




ORIANA FALLACI



Tribute to Reagan


 

 
 
I comunisti amano
così tanto
i poveri da volerne
creare  altri

Noi cattolici diciamo  
si alla base americana
di  Vicenza

 






 

Vendere la RAI
con tutti i suoi parassiti.

Eliminare l'ente Provincia
che ha poche ragioni per
giustificare la sua esistenza
 e molte per suggerire
 lo scioglimento.


(IM)MORALISTI


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

        G.M.

 

Antonio Di Pietro salvò
i comunisti da tangentopoli.


 

 

Le bugie di Veltroni

 

 Le bugie di Prodi



 



 


    

 

 

 

 


 

 

 

 

 

Veronica

 

 

 




 



Immigrati




 

Il comunismo è una
giusta distribuzione
della miseria.


 




L'assemblea parlamentare del
 Consiglio d'Europa
ha approvato il 25 gennaio 2006,
con 99 voti a favore e 42 contrari,
una risoluzione presentata dal deputato
svedese Goran Lindblad a
nome del PPE, che condanna
 i "crimini del comunismo" equiparando
il comunismo stesso al nazismo.
Anzi, considerando che nel rapporto
che accompagnava la proposta
di risoluzione, intitolata "Necessità di
una condanna internazionale dei
crimini del comunismo", si accredita
la cifra di quasi cento milioni di morti
 causati direttamente o
indirettamente dal comunismo,
quest'ultimo risulterebbe addirittura,
almeno come numero di vittime,
 di gran lunga peggiore del nazismo. 
 
 
METTERE FUORI LEGGE
I PARTITI COMUNISTI IN ITALIA,
come sono stati messi fuori legge
il partito fascista in Italia e
il partito nazional socialista in Germania.



 





Se li abbandonate i
bastardi siete voi


islam fuorilegge vìola
 i fondamentali diritti
degli uomini e delle donne.






islam in azione


 

Loading...      (GIF file  396KB)



 
 

 


 

 

VIDEO DONNA FRUSTATA IN SUDAN -

 

 










 


La resistenza non è mai esistita,
è solo frutto della propaganda
dei comunisti.
Indro Montanelli.

 



 
 
 
 
Gadgets powered by Google